Speciale
Storia in podcast
Storia

Firenze, palcoscenico dei Medici

Nel Quattrocento, per tenere le redini del potere e garantire a Firenze un ruolo di primo piano, i Medici puntarono su una raffinata diplomazia.

Se Lorenzo de' Medici fosse vissuto nell'antica Roma, sarebbe stato una via di mezzo tra gli imperatori Augusto e Nerone: in politica interna collaborò infatti con le famiglie filomedicee atteggiandosi a primus inter pares (proprio il significato di princeps, il titolo che si assegnò il primo imperatore romano) e cercando il consenso dei ceti più bassi a colpi di feste, spettacoli ed elargizioni (specialità di Nerone, appunto). Perciò il popolo fiorentino lo amò e lo appoggiò sempre, anche nei momenti più difficili. A raccontare alla Voce di Focus Storia il rapporto di Lorenzo de' Medici con la sua Firenze e con la politica italiana è Eleonora Plebani, docente di Storia medievale alla Sapienza di Roma dove si occupa di basso Medioevo con particolare riferimento alla storia fiorentina.

Focus Storia 169
A Firenze con Lorenzo de' Medici anche su Focus Storia 169. © Focus

Per tenere le redini del potere e garantire a Firenze un ruolo di primo piano, i Medici puntarono su una raffinata diplomazia. Cosimo il Vecchio – figlio di Giovanni di Bicci de' Medici, che era stato fondatore nel 1397 di una banca diventata la più importante d'Europa – resse tra il 1434 e il 1464 la Repubblica, ormai divenuta Signoria, da dietro le quinte, manovrando le altre famiglie e inserendo persone di fiducia nel Consiglio dei Cento e nel Priorato delle Arti (principali organi di governo, affiancati dal gonfaloniere di Giustizia e dal podestà). Dal canto suo, Lorenzo, subentrò alla guida della città nel 1469, dopo la morte del padre Piero che lo aveva avviato alla politica fin da piccolo e si pose al centro della scena. Già nominato membro a vita del Consiglio dei Cento, avviò un'opera di accentramento del potere che lo portò nel 1480 a creare un nuovo Consiglio, detto dei Settanta, composto solo da suoi fidati, concentrando in esso ogni decisione governativa a scapito dei preesistenti organismi. Nel 1490 i membri furono quindi ridotti a 17.

Il Magnifico si attirò così anche qualche critica, soprattutto da parte del frate domenicano Girolamo Savonarola, che denunciò la corruzione e il vizio dilaganti nella Firenze medicea. «Dal punto di vista economico, l'amministrazione di Lorenzo non fu in effetti ottimale, ma egli brillò senza dubbio per le qualità diplomatiche, riuscendo a imporsi quale mediatore tra forze contrastanti», spiega Franco Cardini autore del saggio Breve storia di Firenze (Pacini Editore). «Fu abile a rafforzare un'intesa con la Milano sforzesca e con la Napoli aragonese, al fine di contenere le velleità espansionistiche del papato e di Venezia, garantendo in questo modo un prolungato periodo di pace sia alla sua città sia al resto della Penisola».

Per saperne di più, ascolta anche l'altra puntata del podcast dedicato a Lorenzo il Magnifico.

Il podcast di Focus Storia è a cura di Francesco De Leo. Montaggio di Silvio Farina.

------------

Seguici anche su FacebookYoutube Twitter. Puoi ascoltare "La Voce di Focus Storia" anche su Spotify e su Apple Podcasts.

8 novembre 2020 Anita Rubini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Perché Gesù finì sulla croce? A chi dava fastidio davvero, e di cosa fu accusato? Nella Palestina di duemila anni fa, ricostruiamo il processo che condannò alla più terribile delle pene il predicatore di Nazareth, consegnandolo per sempre alla Storia e, per i credenti, alle braccia del Padre.

ABBONATI A 29,90€

Il cervello è l'organo più complesso da scoprire. Ecco le ultime rivelazioni della scienza. Inoltre: i laboratori bunker dove si manipolano i virus; tornano i supersonici per attraversare la stratosfera; quanto e come si allenano gli atleti delle Olimpiadi.  E ancora sei bugiardo o super bugiardo? Scoprilo con il test. 

ABBONATI A 29,90€
È vero che il mare non è sempre stato blu? La voglia di correre è contagiosa? Perché possiamo essere crudeli con gli altri? Si possono deviare i fulmini? Che cosa fare (e cosa non fare) per piacere di più? Queste e tantissime altre domande e risposte, sempre curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R.
 
ABBONATI A 29,90€
Follow us