La donna che difese la Pinacoteca di Brera

Sul podcast di Focus Storia la vita di Fernanda Wittgens, che difese la Pinacoteca dalle bombe e dalle razzie naziste, raccontata dall'autrice della sua biografia.

Nell’Italia devastata della Seconda guerra mondiale, un piccolo esercito di Monuments Men senza divisa riuscì a mettere in salvo migliaia di capolavori. Erano direttori di musei, ispettori, giovani funzionari delle Belle Arti che si trovarono a fronteggiare una situazione di emergenza in un Paese - come disse il generale Clark, comandante delle Forze alleate in Italia - in cui era come combattere in “un maledetto museo”
In questo contesto si distinse Fernanda Wittgens, una storica dell’arte che a Milano, con un piccolo ma formidabile team, si diede una missione: salvare il meglio del patrimonio artistico del capoluogo lombardo.

 

Nel numero 149 di Focus Storia, attualmente in edicola, si ricorda proprio l’anima di Brera, Fernanda Wittgens, che difese la pinacoteca milanese dalle bombe alleate e dalle razzie naziste. La Voce della Storia ne ha parlato con la storica e curatrice indipendente Giovanna Ginex, autrice del libro Sono Fernanda Wittgens – Una vita per Brera edito da Skira.

 

Podcast curato e condotto da Francesco De Leo

--------------------------------------------------------

Puoi ascoltare La Voce della Storia anche su Spotify.

 

Ti piace la storia e vorresti ricevere Focus Storia comodamente a casa tua? Scopri la nostra rivista con un abbonamento di 6 mesi.

 

27 Febbraio 2019 | Anita Rubini