Storia

Ecco il "profumo dell'aldilà" delle mummie egizie di 3.500 anni fa

È stato ricreato il profumo usato per mummificare una nobildonna dell'Antico Egitto. Le mummie, quindi, profumavano di resina, cera d'api e oli vegetali.

Che profumo avevano le mummie dell'Antico Egitto? Ora lo sappiamo, grazie a uno studio pubblicato su Scientific Reports che ha analizzato i residui dei balsami trovati sul fondo di due vasi canopi utilizzati per mummificare Senetnay, una nobildonna che visse durante la XVIII dinastia, attorno al 1450 a.C..

L'aroma dell'eternità. Le varie sostanze utilizzate per creare il profumo, battezzato "l'aroma dell'eternità", sono state individuate grazie all'uso di diverse tecniche analitiche avanzate, tra cui la gascromatografia-spettrometria di massa, la gascromatografia-spettrometria di massa ad alta temperatura e la cromatografia liquida ad alta prestazione-spettrometria di massa. I balsami erano composti da cera d'api, olio vegetale, grassi, bitume, resine di vario tipo e una sostanza balsamica.

Resine importate. Lo studio getta luce sulle connessioni commerciali che avevano gli antichi egizi nel II millennio a.C.: «Gli ingredienti del balsamo mostrano chiaramente che gli egizi importavano materiali provenienti dal di fuori del regno», spiega Nicole Boivin, una degli autori, che sottolinea inoltre come questo faccia intendere che Senetnay appartenesse al cerchio di persone più vicine al faraone.

Tra gli ingredienti importati, gli autori segnalano la resina di albero di larice, proveniente dal nord del Mediterraneo, e forse la gomma dammar, una resina che si trova solo negli alberi delle foreste tropicali del sudest asiatico. Se la presenza della gomma dammar venisse confermata, questo significherebbe che gli antichi egizi commerciavano con il sudest asiatico almeno un millennio prima di quanto si riteneva fino ad oggi.

Il profumo ricreato verrà esposto al Moesgaard Museum, in Danimarca, e potrà essere annusato da tutti i visitatori, che si immergeranno in un'esperienza storica e sensoriale unica.

8 settembre 2023 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us