Storia

DNA denisoviano negli abitanti della Melanesia

Le popolazioni del Pacifico presentano importanti eredità genetiche dell'Uomo di Denisova, oltre a geni Neanderthal. La prova che questi ominidi estinti erano grandi viaggiatori.

Frammenti di DNA di due ominidi estinti, Neanderthal e Denisoviani, sopravvivono nel corredo genetico degli odierni abitanti della Melanesia. Lo afferma uno studio pubblicato su Science, coordinato da Joshua M. Akey, genetista dell'università di Washington, con la partecipazione di Svante Pääbo ( Max-Planck-Institute di Lipsia, Germania, e università di Ferrara), pioniere degli studi genetici sulle antiche popolazioni estinte.

A confronto. Gli scienziati hanno analizzato il DNA di 1.523 persone provenienti da tutto il mondo, inclusi 35 abitanti dell'arcipelago di Bismarck, un gruppo di isole al largo della Papua New Guinea. Lo hanno quindi comparato con il materiale genetico prelevato dai resti di Homo di Denisova trovati in Siberia e ossa Neanderthal rinvenute in Germania.

Ricordo di famiglia. Studi precedenti avevano dimostrato che le popolazioni non africane presentano circa il 2% di patrimonio genetico Neanderthal, per via degli antichi contatti tra i sapiens e questa popolazione. Ma i melanesiani sono i soli ad aver ereditato anche una percentuale non trascurabile - dall'1,9 al 3,4% - di geni denisoviani, molti dei quali coinvolti nel sistema immunitario.

Grandi migrazioni. I risultati sono per certi versi sorprendenti, perché si pensa che i melanesiani siano rimasti confinati su quelle isole in mezzo al Pacifico per almeno 48 mila anni, vivendo praticamente isolati. Lo studio allarga di molto i confini di azione dell'Uomo di Denisova, vissuto tra i 70 mila e i 40 mila anni fa. I suoi resti sono stati trovati in Siberia, ma se è vero che si incrociò con gli antenati di queste popolazioni dell'Oceania, dovette vivere in un'area ben più ampia.

20 marzo 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us