Storia

Guernica: il manifesto di Picasso contro gli orrori della guerra

Il 25 ottobre 1881 nasce il pittore Pablo Picasso. Guernica, uno dei suoi capolavori, è una denuncia contro gli orrori della guerra ed ancora oggi attualissimo.

Nel corridoio che porta alla sala del Consiglio di sicurezza dell'ONU della sede delle Nazioni Unite di New York, è esposto l'arazzo di Guernica realizzato nel 1955 sotto la supervisione di Picasso, e commissionato al pittore spagnolo dal politico statunitense Nelson Rockefeller: si tratta della grande riproduzione tessile di Guernica, il quadro dipinto da Picasso in memoria della strage di civili della città basca di Guernica avvenuta il 26 aprile 1937.

L'arazzo è stato esposto alla sede dell'ONU di New York dal 1985 al 2021, anno in cui la famiglia Rockefeller lo ha aftto rimuovere. Ma la parete del corridoio è rimasta nuda solo un anno: dal febbraio del 2022, questa icona di pace è tornata al suo posto per continuare a ricordare ai capi di Governo e ai diplomatici l'orrore di tutte le guerre. Soprattutto ora che il conflitto Russia-Ucraina sembra non avere fine.

Guerra civile. Picasso dipinse Guernica dopo il bombardamento sull'omonima città basca ad opera della Legione Condor - corpo volontario composto da elementi della Luftwaffe nazista e della Aviazione Legionaria Fascista d'Italia - durante la sanguinosa Guerra civile (1936 - 1939) tra le forze sostenitrici della Seconda Repubblica Spagnola e i nazionalisti di Francisco Franco. Il dipinto, che gli fu commissionato dal Governo repubblicano per 300.000 pesetas (oltre un milione degli attuali euro), fu poi esposto nel padiglione spagnolo all'Esposizione internazionale Arts et Techniques dans la Vie moderne che si tenne a Parigi dal 25 maggio al 25 novembre del 1937. 

Post mortem. Quando cadde il Governo repubblicano e iniziò la dittatura militare del generale spagnolo Franco ispirata al fascismo, Picasso non permise che Guernica rimanesse in mostra in Spagna, dichiarando che avrebbe potuto tornarvi solo dopo la fine del Franchismo. Il capolavoro del maestro del Cubismo restò quindi per molti anni al Museum of Modern Art di New York per poi tornare in patria, esposto al Casón del Buen Retiro (Museo Nacional del Prado), soltanto nel 1982: erano già trascorsi nove anni dalla scomparsa del grande artista (8 aprile 1973) e sei da quella del dittatore Franco (20 novembre 1975). Dal 1992 Guernica è stato trasferito al Museo Reina Sofía di Madrid, dove si può ammirare ancora oggi.

25 ottobre 2022 Fabrizia Sacchetti
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us