Storia

Dietro la tuba: il vero Giuseppe Verdi, un gigante da scoprire

Nasceva 210 anni fa Giuseppe Verdi, il musicista che più contribuì all'Unità nazionale: ecco un ritratto autentico del compositore simbolo del melodramma italiano.

Giuseppe Verdi (1813-1901), nonostante la sua celebrità, è un gigante ancora tutto da scoprire. Ne ha tracciato un profilo il musicologo Emilio Sala nell'articolo "Il vero Verdi" di Paola Molfino, tratto dagli archivi di Focus Storia

Come mai Giuseppe Verdi è così importante per l'Italia?

Perché negli anni successivi al 1861, in una sorta di trend a scoppio ritardato, la figura di Verdi è stata identificata con la neonata nazione italiana come cruciale nella costruzione della nostra identità culturale, secondo la formula attribuita a Massimo D'Azeglio: "Fatta l'Italia, bisogna fare gli italiani".

Perché Verdi è cruciale per il Risorgimento?

Faccio un esempio: il valore simbolico del coro di Nabucco, va pensiero, che è del 1842, data ancora lontana dall'Unità d'Italia. Simbolicamente il popolo ebraico in esilio diventa il popolo italiano che si lamenta del suo mancato riconoscimento di nazione. Quel coro sarebbe quindi portatore di un significato risorgimentale.

Però attenzione: il riconoscimento retrospettivo del significato "nazionalpopolare" del coro del Nabucco esplode il 30 gennaio 1901, quando a Milano durante i funerali di Verdi una enorme folla, Coro della Scala compreso, intona insieme il Va Pensiero. Mentre nel 1842 quello stesso coro non era stato affatto biassato durante le prime rappresentazioni alla Scala, pur fortunatissime. A essere bissato allora era stato: "Immenso Jehova", coro oggi molto meno popolare, che chiudeva l'opera in quell'edizione.

Cosa cambia Giuseppe Verdi nella Storia della musica?

A differenza del coetaneo Richard Wagner, che procede cercando di rifondare ex novo il teatro dell'opera, Verdi agisce all'interno di una grande tradizione fortemente unitaria che è abituata a giocare con le attese del pubblico e ha spazi di manovra limitata. Verdi gioca quindi la sua carica innovativa "usando" le convenzioni.

Ciò premesso, è sicuramente il compositore più innovativo del suo tempo, sia dal punto di vista della scelta dei soggetti, sia dal punto di vista della costruzione musicale e drammaturgica, sia dal punto di vista dell'orchestrazione dello stile. Quello di Verdi è un continuo gioco in contropiede. Da Nabucco e I Lombardi alla prima Crociata in poi, Verdi cerca continuamente e ossessivamente una nuova formula, senza mai ripetere un successo che avrebbe invece potuto sfruttare per la sua carriera. Da Macbeth a Luisa Miller, da Stiffelio a Rigoletto, dal Trovatore a Falstaff, mai Verdi si ripete, sfidando in modo provocatorio e dirompente le attese del pubblico.

Cosa c'è ancora da scoprire su Verdi?

Di Verdi noi italiani crediamo di sapere tutto (un po' come con la nazionale di calcio), ma non è così. La dimestichezza che abbiamo con gran parte del repertorio verdiano crea una sensazione di familiarità che è enormemente superiore a quella che abbiamo con qualsiasi altro autore: Rossini, per esempio.

Familiarità illusoria però, che retrospettivamente ha proiettato sull'opera di Verdi una serie di bisogni e stereotipi che solo in parte le appartengono davvero. Tutti ci riconosciamo nella musica di Verdi e questo è un valore. Credo però che la possibilità di tornare al Verdi, soprattutto preunitario, riscoprendo il punto di vista e di ascolto dei suoi contemporanei, la prassi esecutiva e vocale, la drammaturgia e la dimensione culturale del suo tempo, avrebbe un effetto positivo per tutti. 

Questo articolo è tratto da Focus Storia. Perché non ti abboni?

10 ottobre 2023 Focus.it
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us