Di un Neanderthal il tumore fossile più antico del mondo

Un cancro osseo di 120 mila anni fa è stato rinvenuto in una grotta della Croazia. Potrebbe fornire preziose informazioni sulla salute dei nostri antenati.

reu_rtr2avxg
Un'esibizione sulla vita dei Neanderthal allestita a Krapina (Croazia) dove è stato trovato il reperto. Photo: REUTERS/Nikola Solic |

Tendiamo a considerarlo un male moderno, ma anche il cancro - perlomeno, alcune sue forme - ha una storia millenaria. Il più antico tumore fossile è stato rinvenuto su un osso di Neanderthal: in particolare su una costola di 120 mila anni fa rinvenuta in una grotta di Krapina, in Croazia.

L'uomo di Neanderthal vive dentro di noi: scopri perché
Ascolta la voce di un uomo di Neanderthal

 

La scoperta del cancro osseo più antico mai ritrovato è stata pubblicata su Plos One e potrebbe fornire ai ricercatori nuovi indizi sulla storia di una malattia contro cui lottiamo ancora oggi. Finora le evidenze più antiche di tumori erano state riscontrate su reperti egizi risalenti a un periodo compreso tra i mille e i 4 mila anni fa. Ma questo reperto sembrerebbe suggerire che un ambiente poco inquinato come quello che ospitava i Neanderthal 120 mila anni fa non era forse sufficiente a proteggerli da questo tipo di cancro.

Dal tartaro dei Neanderthal nuovi indizi sulle prime cure erboristiche: la news

La grotta conteneva altre 900 ossa umane e il fossile in questione è incompleto: è quindi ancora presto per stabilire se fu proprio questo tumore a uccidere il suo portatore. Per diagnosticare la malattia sono stati usati moderni strumenti diagnostici come TAC e radiografie. Scoperte di questo tipo - sottolineano gli esperti - sono molto rare e contribuiscono a ricostruire la storia della comparsa del cancro tra i nostri lontani antenati.

Ti potrebbero interessare anche:

Sesso primitivo e protettivo tra Sapiens e Neanderthal
Gli ultimi uomini di Neanderthal
I Neanderthal già adulti a 15 anni

 

7 giugno 2013 | Elisabetta Intini