Focus

Baciami! È il messaggio di un antico codice vichingo ora decifrato

Uno studente di runologia dell'università di Oslo ha risolto il "codice jötunvillur" del 1.200 analizzando due tavolette di messaggi. Il risultato? Una richiesta di affetto.

jotunvillurforside_none
La tavoletta col codice segreto vichingo che dice "baciami". |

Un messaggio segreto fatto di rune ha resistito per 800 anni: fino a quando uno studente dell’Università di Oslo lo ha decifrato. E il testo non è proprio una formula magica, dice semplicemente “baciami”.

Come è stato possibile? Si tratta del codice jötunvillur, decrittato ora dal giovane ricercatore K Jonas Nordby. Questo codice, un rimescolamento delle rune standard che non dava luogo a letture sensate, è stato rinvenuto soltanto in nove iscrizioni in tutta la Scandinavia.

Veniva usato su tavolette di legno scambiate come antenati degli sms, con brevi messaggi per eventi della quotidianità.

Nordby ha notato che una di queste tavolette portava il nome di due uomini leggibile con l’alfabeto runico “normale”, Sigurd e Lavrans. Dall’analisi della posizione delle rune/lettere, Nordby ha ricavato la chiave di lettura (in realtà piuttosto complessa) e ha svelato il messaggio, risolvendo il codice.

Una storia d'amore clandestina, celata da un messaggio criptato? No. Secondo il ricercatore, è improbabile che la tavoletta rappresentasse una corrispondenza segreta, anche perché non ci sono indicazioni su un mittente e un destinatario: è probabile che il rimescolamento delle rune, o di parti di esse, avesse una finalità di gioco enigmistico o anche di istruzione. Un po' come alcuni esercizi destinati ai bambini per insegnare l'alfabeto.

A proposito di amore e baci

 

La scienza di San Valentino
VAI ALLA GALLERY (N foto)

 

Foto... al bacio
VAI ALLA GALLERY (N foto)

 

Gli afrodisiaci nel piatto
VAI ALLA GALLERY (N foto)

 

13 febbraio 2014 | Carlo Dagradi