Dal Ponte di Brooklyn al Ponte Morandi. Grandi opere: ieri e oggi

Quanto sono state importanti le infrastrutture nella storia dell'uomo? Affrontiamo il tema della grandi opere nel podcast di Focus Storia e nel numero in edicola. 

Il numero di Focus Storia in edicola dedica un lungo dossier alle grandi opere del passato: strade, acquedotti, linee ferroviarie, canali e ponti, infrastrutture cioè che spesso in passato sono state viste come metafora del progresso. Ma come venivano finanziate? E ci si preoccupava dell'impatto ambientale?

 

Focus Storia 151
Su Focus Storia 151 (in edicola): curiosità, invenzioni e follie delle grandi opere del passato. | Focus

Gli italiani in questo campo sono stati spesso protagonisti a partire dagli antichi Romani fino a tempi più recenti: basti pensare al traforo del Frejus, che nel 1871 fu il tunnel ferroviario più lungo del mondo; all'ingegnere trentino Luigi Negrelli che nel 1854 elaborò il progetto del Canale di Suez; e all’immane impresa della Transiberiana, dove furono gli operai italiani a garantire la riuscita dell’opera.

 

«Senza infrastrutture non c’è sviluppo in un Paese», dice Enzo Siviero, ingegnere, architetto e docente italiano. Nel podcast ci racconta come quello delle grandi opere sia un tema cardine: tra gli Anni ’50 e ’60 l'Italia si è sviluppata proprio grazie alle sue nuove infrastrutture, come l'Autostrada del Sole. Ma parla anche delle criticità più recenti legati a questo tema, come quella dell'abbattimento e della ricostruzione a Genova del Ponte Morandi.

 

Podcast curato e condotto da Francesco De Leo

 

------------

 

Seguici anche su Facebook e, per appassionati di storia militare, sul nostro Gruppo Focus Storia Wars. Ma anche su Twitter.

 

Puoi ascoltare "La Voce della Storia" anche su Spotify.

 

Ti piace la storia e vorresti ricevere Focus Storia comodamente a casa tua? Scopri la nostra rivista con un abbonamento di 6 mesi.

 

3 maggio 2019 | Anita Rubini