Storia

Da atleti a pantofolai: come l'agricoltura ha modificato le ossa umane

Il prezzo da pagare per la nascita delle prime comunità agricole e stanziali? L'indebolimento del nostro scheletro, che si è dovuto adattare - suo malgrado - a millenni di sedentarietà.

Da aitanti cacciatori a polentoni stanziali e poco agili: la parabola (discendente) della forma fisica umana è scritta nelle nostre ossa. La diffusione dell'agricoltura in Europa centrale avrebbe causato il progressivo indebolimento dello scheletro dei nostri antenati, reso più fragile e meno flessibile dalla progressiva sedentarietà. È quanto dimostra uno studio dell'Università di Cambridge.

Declino progressivo
Alison Macintosh, ricercatrice del Dipartimento di Archeologia e Antropologia dell'ateneo britannico, ha analizzato con scansioni laser la struttura e le proprietà fisiche di scheletri rinvenuti in diversi siti di sepoltura in Germania, Austria, Ungheria, Repubblica Ceca e Serbia; in particolare, sono stati studiati tibie e femori sia maschili sia femminili di diverse epoche, dal 5300 a.C. all'850 d.C., un arco di tempo di 6150 anni.

Mentre i primi agricoltori, vissuti 7300 anni fa, avevano una struttura ossea paragonabile a quella di un moderno atleta di corsa campestre, nell'arco di 3 mila anni gli scheletri analizzati - in particolare quelli maschili - hanno progressivamente perso mobilità, divenendo assimilabili a quelli di uno studente sedentario. Le tibie sono diventate sempre meno rigide, e sia le tibie che i femori degli uomini hanno perso molta della resistenza ai carichi e a sollecitazioni come torsioni, piegamenti e compressioni.

Più specializzati ma meno atletici
I risultati sembrerebbero confermare anche a livello fisiologico che la nascita dell'agricoltura rese i nostri antenati sempre meno attivi e più stanziali, e portò a una diminuzione dei compiti fisicamente più impegnativi: «In seguito alla transizione agricola in Europa centrale, gli uomini furono più colpiti rispetto alle donne dai cambiamenti culturali e tecnologici che ridussero la necessità di spostamenti a lungo raggio e di lavori fisicamente pesanti» spiega Macintosh. «Grazie alla specializzazione in compiti diversi dall'agricoltura, come la lavorazione dei metalli o del vasellame, sempre meno persone hanno dovuto impegnarsi in compiti gravosi per le gambe».

L'indebolimento è riscontrabile anche nelle ossa femminili, ma in modo meno evidente e più eterogeneo, a causa della grande variabilità dei compiti affidati alle donne nelle diverse comunità agricole. Lo studio evidenzia come lo scheletro umano tenga traccia delle sollecitazioni ricevute nell'arco della vita, e possa essere utilizzato come strumento per lo studio dei cambiamenti socioeconomici in epoche passate.

Ti potrebbero interessare anche:

Il diluvio universale? Favorì la diffusione dell'agricoltura
La "svolta" dell'agricoltura, una rivoluzione antichissima
Occhi azzurri, pelle d'ebano: come eravamo 7 mila anni fa
5 cose che ci accomunano agli uomini della Preistoria

8 aprile 2014 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us