Storia

CoViD-19 e influenza spagnola: le differenze

Covid e influenza spagnola: perché non si possono fare previsioni sul futuro dell'attuale pandemia basandosi sull'esperienza della pandemia del 1918.

Negli ultimi mesi la pandemia di CoViD-19 è stata più volte paragonata all'influenza spagnola, che tra il 1918 e il 1920 uccise milioni di persone. Tuttavia, sottolinea un articolo pubblicato sullo Smithsonian Magazine, questo confronto non è del tutto calzante e, soprattutto, non si può utilizzare la spagnola come metro di paragone per capire come andrà a finire la covid. Ci sono infatti importanti differenze biologiche tra il coronavirus SARS-CoV-2 (quello della covid) e il ceppo di H1N1 alla base dell'epidemia di influenza spagnola, oltre a cruciali differenze tra il contesto sociopolitico attuale e quello dell'epoca (il primo dopoguerra).

In tempo di guerra. La diffusione della spagnola venne aiutata dalla situazione dell'epoca: durante la Prima guerra mondiale molti giovani lasciarono le proprie case per andare a combattere all'altro capo del mondo. Questa mobilitazione permise al virus di circolare e contagiare i soldati, causando la prima ondata dell'epidemia nella primavera del 1918. Nell'autunno dello stesso anno arrivò una seconda, micidiale ondata: si diffuse attraverso le rotte commerciali marittime e ferroviarie in tutto il mondo.

Mutazioni... Si stima che tra il 1918 e il 1920 la spagnola uccise circa 50 milioni di persone nel mondo: quel ceppo del virus poi scomparve da solo, probabilmente a causa del fatto che in molti l'avevano contratto e si era quindi creata un'immunità di gregge, oppure a causa delle mutazioni del virus stesso.

Gli studi fin qui condotti suggeriscono che il SARS-CoV-2 è relativamente stabile: il virus della spagnola, al contrario, mutò rapidamente, così come accade a quello dell'influenza stagionale, per proteggersi dalla quale è necessario vaccinarsi ogni anno.

… e stagionalità. Un altro fattore che rende difficile fare previsioni sul futuro della CoViD-19 è il fatto che il nuovo coronavirus, al contrario di quello dell'influenza, non sembra condizionato dalla stagionalità - o, per meglio dire - ancora non sappiamo se lo è. In definitiva «le oscillazioni nei casi di COVID-19», si legge sullo Smithsonian Magazine, «non sembrano comparabili con le "ondate" di influenza del 1918 e 1919». Perché dunque in tanti cercano di trovare un'analogia tra l'evoluzione della CoViD-19 e quella della spagnola? Forse una ragione di fondo in effetti c'è: perché l'influenza spagnola si è conclusa.

15 giugno 2020 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La (brutta) storia della follia raccontata attraverso i re e gli imperatori ritenuti pazzi, i rimedi adottati nei secoli per “curarla” e l'infinita serie di pregiudizi e superstizioni che hanno reso la vita dei malati un inferno peggiore del loro male. E ancora: quando le donne si sfidavano a duello; la feroce Guerra delle due Rose, nell'Inghilterra del '400.

ABBONATI A 29,90€

Senza l'acqua non ci sarebbe la Terra, l'uomo è l'animale che ne beve di più, gli oceani regolano la nostra sopravvivenza: un ricco dossier con le più recenti risposte della scienza. E ancora: come agisce un mental coach; chi sono gli acchiappa fulmini; come lavorano i cacciatori dell'antimateria; il fiuto dei cani al servizio dell'uomo.

ABBONATI A 29,90€
È vero che il mare non è sempre stato blu? La voglia di correre è contagiosa? Perché possiamo essere crudeli con gli altri? Si possono deviare i fulmini? Che cosa fare (e cosa non fare) per piacere di più? Queste e tantissime altre domande e risposte, sempre curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R.
 
ABBONATI A 29,90€
Follow us