Storia

Cosmetici al posto dei resti del faraone

Brutta sorpresa per gli archeologi del Louvre di Parigi: i vasi canopici – conservati nel museo parigino dal 1905 – non conterrebbero, come si è sempre pensato, i resti del faraone Ramsete II, ma sarebbero dei contenitori di cosmetici.
Se ne sono accorti alcuni chimici francesi analizzando i resti dei preziosi vasi, ricoperti di geroglifici tra cui spicca il nome del faraone, con un metodo particolare.
Hanno usato le tecniche utilizzate per l’analisi del sottosuolo che servono per trovare il petrolio e altri componenti chimici. Con sorpresa gli scienziati hanno scoperto che nei contenitori non ci sono resti di cere, bitumi o altre sostanze usate normalmente dagli imbalsamatori dell’epoca.
Mentre sono state ritrovate tracce di grasso animale mescolati con resine aromatiche, facendo sospettare che sia quel che rimane di prodotti per la cosmesi, che avevano però un uso “illustre”: erano probabilmente usati dai sacerdoti per ungersi il capo.
Secondo le nuove analisi i vasi e il loro contenuto risale al 1035 a.C. mentre la morte di Ramesete è precedente di quasi 200 anni. I vasi potrebbero essere stati realizzati per il tempio di Amun-Ra, il dio del Sole e recano il nome di Ramesete solo perché lo aveva fatto erigere. In un periodo successivo potrebbero essere stati “riciclati” come contenitori per cosmetici rituali. Il Louvre ospita migliaia di reperti simili, tutti sono stati attribuiti, ma pochissimi sono stati verificati.

Nella foto: la stauta di Ramsete II che si trova in Egitto.

20 marzo 2007
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us