Speciale
Domande e Risposte
Storia

Cos’era e da chi era costituita la Compagnia delle Indie?

Tra il Seicento e l'Ottocento, la Compagnia delle Indie indicò compagnie di diversi Paesi che ottenevano dai rispettivi governi il monopolio del commercio da e per una determinata area geografica.

Tra il Seicento e l'Ottocento il nome Compagnia delle Indie Occidentali e Orientali indicò compagnie di alcuni Paesi europei come Gran Bretagna, Olanda, Francia e Portogallo, che ottenevano dai rispettivi governi il monopolio del commercio da e per una determinata area geografica. Assunsero una grande importanza commerciale e anche politica, perché contribuirono all'espansione coloniale delle maggiori potenze marittime: facevano infatti da avanguardia nella conquista di nuovi territori. 

Le filiali europee della Compagnia delle Indie.
Le filiali europee della Compagnia delle Indie. © Wikipedia

All'inizio le compagnie erano l'unione di singole persone che versavano di volta in volta i capitali per armare la nave e comprare le merci (cannella, pepe, altre spezie, seta, indaco, metalli preziosi, legni pregiati in India, Sudest asiatico, Pacifico), sciogliendosi a impresa conclusa. Dopo una decina di anni di sviluppo, la necessità di armare intere flotte di navi, creare stazioni di rifornimento, arruolare truppe per la difesa, portò alla creazione di grandi società per azioni stabili.

La compagnia di Elisabetta I. Le maggiori furono la Compagnia Britannica delle Indie Orientali (nata il 31 dicembre 1600 per volere della regina Elisabetta I d'Inghilterra) e la Compagnia olandese delle Indie orientali (la VOC fu costituita nel 1602), che realizzarono e distribuirono ai soci profitti enormi e garantirono il controllo delle colonie. Compagnie simili, per le Indie occidentali, furono create anche in Spagna e Francia. Le compagnie furono sciolte tra la fine del Settecento e i primi dell'Ottocento, e i loro beni passarono allo Stato.

1 gennaio 2021
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Chi erano i gladiatori? Davvero lottavano sempre all’ultimo sangue? Con quali armi e tecniche combattevano? Perché gli imperatori investivano una fortuna sui loro spettacoli di morte? Entriamo negli anfiteatri della Roma imperiale per conoscere da vicino gli atleti più famosi dell’antichità. E ancora: come la moda del Novecento ha ridato la libertà alle donne; alla scoperta di Monte Verità, la colonia sul lago Maggiore paradiso di vegani e nudisti; i conflitti scoppiati per i motivi più stupidi; la guerra al vaccino antivaiolo dei primi no vax; le Repubbliche Sorelle.

ABBONATI A 29,90€
Focus e il WWF festeggiano insieme il compleanno: Focus è in edicola da 30 anni e il WWF si batte da 60 per la difesa della natura e degli ecosistemi. Insieme al WWF, Focus è andato nelle riserve naturali e nei luoghi selvatici del mondo per scoprire come lavorano i loro ricercatori e volontari per aiutare la Terra e i suoi abitanti. Inoltre: perché i cicloni sono sempre più violenti; perché la miopia sta diventando un'emergenza globale; come sarebbero gli alieni (se esistessero).
ABBONATI A 29,90€
Follow us