Come è nata la bandiera dello Stato italiano?

222 anni fa un vessillo tricolore, ispirato a quello francese, fu adottato a Reggio Emilia come bandiera della Repubblica cispadana.

flag
Il tricolore diventò bandiera del Regno d'Italia nel 1861.|Thinkstock

La bandiera italiana nasce come bandiera militare: fu proposta nel 1796 per distinguere il contingente italiano all’interno dell’esercito di Napoleone, nelle repubbliche Cispadana e Cisalpina.

E il 7 gennaio del 1797 il tricolore fu adottato, a Reggio Emilia, come bandiera della Repubblica cispadana: il blu fu sostituito dal verde, colore delle uniformi della Guardia civica milanese, quindi simbolo dei volontari che combattevano per l’Italia (e forse anche del verde paesaggio nostrano).


Con la sconfitta di Napoleone, nel 1814, il tricolore fu abolito. Tuttavia, restò nella memoria degli italiani e più volte fu innalzato contro gli austriaci.

Nel 1848 fu adottato nel regno di Sardegna dai Savoia, che vi inserirono il loro scudo (croce bianca in campo rosso). Con l’unificazione italiana (1861) diventò la bandiera del Regno d’Italia. In seguito alla proclamazione della Repubblica (1946), lo scudo dei Savoia fu eliminato.

 

14 Marzo 2014