Storia

Come si costruisce una katana, la spada giapponese

L'arte della forgiatura della famosa spada ricurva dei samurai.

La katana, la spada ricurva del samurai del quale si dice simboleggi l’anima, è realizzata con estrema perizia. A partire dalla materia prima: diversi strati di tamahagane, uno speciale acciaio giapponese fuso in una fornace di argilla, sono scaldati, percossi e ripiegati più volte per eliminare ogni impurità. Le due anime della spada, una ricca di carbonio e tagliente, e una più resistente che attutisce i colpi, sono inserite l’una nell’altra: all’esterno la più dura e affilata, all’interno la più duratura.

La lama è poi passata in varie miscele di argille con diversa refrattarietà al calore, portata di nuovo al calor rosso (incandescente) e poi immersa in acqua tiepida. I diversi tipi di tempra e di acciaio producono lo hamon, una piccola linea scura “marchio di fabbrica” della spada, e la tipica curvatura della katana. Al togishi (maestro pulitore) spetta la levigatura finale, che dura anche 15 giorni.

Harakiri. La katana non era l'arma destinata al seppuku o harakiri, cioè il suicidio rituale del samurai. Questo gesto estremo si doveva eseguire davanti a testimoni utilizzando il pugnale (tantō) o la spada corta (wakizashi). L’arma andava conficcata nella zona dell’ombelico e si doveva eseguire un preciso taglio a elle: da sinistra verso destra, poi verso l’alto. Il tutto da compiere in ginocchio e con le punte dei piedi rivolte all’indietro per poter cadere di fronte, con maggior decoro.

Fondamentale nel rituale era il ruolo del kaishakunin, cioè l’assistente incaricato di vibrare, questa volta sì, con la katana, il colpo di grazia al collo del morente: per evitargli altre sofferenze dopo lo sventramento, ma soprattutto per evitare smorfie sconvenienti durante l’agonia.

27 febbraio 2016
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us