Come sarebbe l’Europa se tutti i movimenti indipendentisti avessero successo?

Il 1 ottobre (forse) in Spagna si terrà il referendum per l’indipendenza della Catalogna. Ma cosa succederebbe in Europa se tutti i movimenti indipendentisti ottenessero quello che vogliono?
 

mappa-indipendestita

Il 1 ottobre, se il governo centrale di Madrid non si opporrà al referendum, giudicato anti costituzionale, nei paesi della Catalogna spagnola i cittadini sono invitati a esprimere il proprio voto per chiedere l’indipendenza della regione dal resto del Paese.

 

Ma quanti sono i paesi europei oggi che potrebbero volere l’indipendenza dalla madre patria, rimarcando differenze linguistiche, culturali ed economiche? Un utente di Reddit se l’è chiesto e ha provato a immaginare un continente rispettoso di tutte le autonomie. Ne uscirebbe un Europa trasformata in un mosaico di piccoli staterelli, ognuno arroccato sulle proprie radici.

Puzzle dell’Europa. Tra i Paesi che potrebbero rivendicare la loro autonomia ci sono infatti, solo per rimanere in Spagna, la Galizia, Andalusia, la Asturia o i Paesi Baschi.

 

Andando più a nord invece, come ventilato dopo il referendum sulla Brexit, dal Regno Unito potrebbe staccarsi la Scozia. Ma ascoltando anche altri indipendentisti il paese si potrebbe frantumare in varie regioni: lo Yorkshire, il Galles, il Wessex, l’Inghilterra e la Cornovaglia. Anche in Germania poi le cose potrebbero complicarsi: da sempre da quelle parti ci sono infatti movimenti autonomisti come quello dei bavaresi del Beyernpartei.

 

E in Italia? Se in Italia si assecondassero le spinte autonomiste si tornerebbe a una mappa geografica "medievale". Il Paese, con buona pace di Garibaldi, potrebbe infatti frantumarsi in numerosi staterelli... anche se va notato che l'autore della mappa è ben lungi dall'essere preciso (chiama Padania il centro Italia). 

25 Settembre 2017 | Giuliana Rotondi