Com'è nata la tradizione delle uova di Pasqua?

L'uovo, per tutte le culture antiche, aveva un valore simbolico enorme: era il simbolo della vita e della rinascita. Il cristianesimo ha reinterpretato questa tradizione alla luce delle Nuove Scritture.

800px-velikonon_vajka_malovan_voskem
|wikiMedia

Le origini dell’uovo di cioccolato sono da ricondurre al re Sole, Luigi XIV. Fu lui che per primo, a inizio Settecento, fece realizzare un uovo di crema di cacao al suo chocolatier di corte. L'usanza di regalare le uova a Pasqua però è più antica e si perde nel lontano Medioevo.

La scelta di regalare un proprio uovo non è casuale. Fin dall'antichità questo alimento ha ricoperto un valore simbolico enorme. In alcune culture Terra e Cielo, unendosi, formavano proprio un uovo, simbolo di vita. Per gli antichi Egizi l'uovo era invece l'origine di tutto e il fulcro dei quattro elementi (aria, acqua, terra e fuoco). Siccome in Primavera la natura risorge, i Persiani amavano poi regalarsi proprio delle uova, simbolo di nuova vita.

 

Resurrezione, un affresco di Pietro della Francesca. | wikiMedia

Rito cristiano. Il cristianesimo affianca queste tradizioni e le reinterpreta alla luce delle Nuove Scritture. L'uovo diventa così il simbolo che meglio coglie il significato del miracolo della Resurrezione di Cristo.

L'usanza di regalarsi uova si diffonde a partire dal Medioevo, in Germania. Qui tra la gente comune la consuetudine era distribuire uova bollite, avvolte in foglie e fiori in modo che si colorassero naturalmente. Tra i nobili e gli aristocratici invece si diffuse l'abitudine di fabbricarne alcune di argento, platino o oro, decorate.

uova Febrgé
Alta gioielleria a corte degli zar di Russia: l'uovo dell'orafo Fabergé. Grazie anche a questi oggetti, Fabergé divenne la più grande gioielleria della Russia. Oltre alla sede di San Pietroburgo, Fabergé aveva altri distaccamenti a Mosca, Odessa, Kiev e Londra. | wikiMedia

Uovo matrioska? Questa tradizione è arrivata fino al XIX secolo e nella Russia degli zar l'arte della loro fabbricazione ha raggiunto vette ineguagliabili. Merito dell'orafo di corte Peter Carl Fabergé (1846-1920), incaricato dallo zar Alessandro III di preparare per la zarina delle meravigliose uova decorate (la collezione imperiale vanta 52 esemplari stupefacenti). Il primo uovo realizzato era in platino smaltato di bianco.

 

Al suo interno conteneva un altro uovo, questa volta in oro, il quale conteneva altri due doni: una riproduzione della corona imperiale e un pulcino d'orato. La produzione di Fabergé fu enorme: si interruppe solo nel 1918 quando la Casa Fabergé venne nazionalizzata dai bolscevichi: l'orafo non si riprese mai dallo shock della Rivoluzione Russa e morì due anni dopo.

 

E il regalo? Se oggi nell'uovo di Pasqua troviamo una sorpresa è insomma meritò di Fabergé. Ma non tutti su questo, concordano. C'è chi ricorda come già nel Settecento dalle parti di Torino c'era infatti l'usanza di inserire un piccolo dono dentro le uova di cioccolato.

 

Secondo quest'altra interpretazione potrebbero essere stati quindi proprio i Piemontesi, maestri nell'arte del cioccolato, i primi a lanciare la moda delle uova pasquali con sorpresa.


Leggi anche: Uova... con sorpresa!
29 Marzo 2018 | Giuliana Rotondi