Storia

Come è nata l’enclave di Campione d’Italia?

Campione d’Italia è un comune sulla sponda orientale del lago di Lugano ed è un territorio italiano completamente circondato dalla Svizzera: infatti è in provincia di Como. L’origine di ciò...

Campione d’Italia è un comune sulla sponda orientale del lago di Lugano ed è un territorio italiano completamente circondato dalla Svizzera: infatti è in provincia di Como. L’origine di ciò risale alla donazione che nel 777 un signore longobardo, Totone, fece alla basilica di Sant’Ambrogio, sottomettendo così Campione all’autorità ecclesiastica milanese. Poi, l’imperatore Lotario mutò il diritto di proprietà in diritto di sovranità. Così, nonostante le dispute, come feudo di Sant’ Ambrogio Campione mantenne l’indipendenza. Quando nel 1512 la Svizzera, avendo partecipato alla Lega santa, ottenne il Ticino, inglobando anche Campione, l’abate di Sant’ Ambrogio protestò e riuscì a mantenere l’autonomia e la libertà di passaggio in territorio elvetico.
Le pretese svizzere. Nel 1797, con l’abolizione delle corporazioni religiose da parte di Napoleone, la proprietà fu trasferita al Fisco e Campione passò alle dipendenze di Como, restando italiana. Al congresso di pace che seguì alla sconfitta di Napoleone nel 1815, gli svizzeri tentarono di nuovo di rivendicare il possesso della città, ma senza esito.
Una città singolare. Della storia di Campione restano curiose testimonianze: i campionesi seguono la liturgia ambrosiana e all’abate di Sant’ Ambrogio spetta il titolo di conte di Campione. I salari sono pagati in franchi svizzeri, ma l’ordine pubblico è affidato alle forze di polizia italiane. Le auto portano la targa TI (Ticino), ma le lettere vanno affrancate con francobolli italiani.

28 giugno 2002
Tag cultura - storia - - d&r
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us