Storia

Clima: a rischio le mummie Chinchorro, le più antiche del mondo

Cambiamenti climatici e disinteresse delle autorità mettono a rischio i resti dei Chinchorro, antico popolo cileno che mummificava i defunti già 7.000 anni fa.

Il deserto di Atacama, in Cile, è il luogo più secco del mondo: ultimamente però, a causa dei cambiamenti climatici, le piogge e i venti forti si sono fatti più frequenti, e hanno danneggiato esseri viventi e non solo. Nel deserto di Atacama sono seppellite infatti le famose mummie Chinchorro, che da 7.000 anni riposano in pace sottoterra e che ora sono disturbate da questi inusuali eventi atmosferici: «Ogni volta che una mummia emerge, la segnaliamo con una bandierina e la riseppelliamo», spiega al Guardian l'archeologa Jannina Campos.

I Chinchorro, un popolo di cacciatori e pescatori vissuto 7.000 anni fa in Cile, furono i primi a mummificare i propri defunti, avvolgendoli in pelli di leoni marini, argilla e lana di alpaca prima di seppellirli nell'arido deserto di Atacama, dove avrebbero dovuto riposare per l'eternità.

Avvelenati. Insediatisi nella valle del fiume Camarones, in un'area verdeggiante nonostante la vicinanza con il deserto, i Chinchorro vennero ingannati dalle acque cristalline e apparentemente pure del fiume: nel Camarones erano presenti infatti 1.000 microgrammi di arsenico per litro d'acqua - una quantità cento volte superiore a quella considerata sicura per l'uomo. Bevendola, i Chinchorro si avvelenarono inconsapevolmente: tra le mummie sono stati ritrovati anche neonati, che nascevano morti o morivano poco dopo il parto.

Mummificazione Chinchorro
Così i Chinchorro mummificavano i propri defunti. © Andrea021 | CC BY-SA 3.0

Umidità e denaro. Il riposo plurimillenario dei Chinchorro è ora minacciato dal clima: alcune mummie conservate nel vicino museo della zona stanno ammuffendo, altre vengono mangiate dagli insetti, altre ancora si stano riducendo in polvere. «La diversità dei materiali che le compongono rende difficile trovare le condizioni ambientali ideali per conservarle», spiega Bernardo Arriaza, esperto dei Chinchorro.

Nel 2022 inizieranno i lavori per un nuovo museo climatizzato che ospiterà le mummie Chinchorro: costerà più di 17 milioni di euro e si estenderà per quasi 5.000 metri quadrati.

Ma il clima non è la sola causa del deterioramento di questo incredibile patrimonio storico e culturale: le mummie Chinchorro sono a rischio anche a causa del disinteresse delle autorità, e dei mancati investimenti necessari a una conservazione adeguata. «Siamo gli unici a occuparci dell'area», afferma Jorge Ardiles, uno dei residenti della zona: «le autorità non se ne interessano.»

Da luglio 2021 le mummie Chinchorro sono finalmente diventate patrimonio UNESCO, e si spera che questo riconoscimento possa contribuire ad aumentare l'interesse per la loro conservazione. «Se non faremo nulla per proteggerle, svaniranno a causa dei cambiamenti climatici», avverte il sindaco locale Cristian Zavala.

9 aprile 2022 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La vita straordinaria di Rita Levi-Montalcini, l'unica scienziata italiana premiata con il Nobel: dall'infanzia dorata alle leggi razziali, dagli studi in America ai legami con una famiglia molto unita, colta e piena di talenti. E ancora: l'impresa in Antartide di Ernest Shackleton; i referendum che hanno cambiato il corso della Storia; le prime case popolari del quartiere Fuggerei, ad Augusta; il mito, controverso, di Federico Barbarossa.

ABBONATI A 29,90€

Tutto quello che la scienza ha scoperto sui buchi neri: fino a 50 anni fa si dubitava della loro esistenza, ora se ne contano miliardi di miliardi. Inoltre, come funziona la nostra memoria; l'innovativa tecnica per far tornare a camminare le persone paraplegiche; la teconoguerra in Ucraina: quali sono le armi tecnologiche usate.

ABBONATI A 31,90€
Follow us