Storia

La civiltà che in Cina collassò per i cambiamenti climatici

La cultura di Liangzhu, in Cina, venne spazzata via 4.000 anni fa a causa di inondazioni provocate dal clima impazzito.

Costruita sul delta del fiume Yangtze, nella Cina orientale, a circa 160 km da Shanghai, Liangzhu è uno dei più importanti reperti archeologici della storia. La sua fondazione risale a circa 5.000 anni fa, nel 3300 a.C., e la città e l'area circostante rappresentano l'ultimo esempio di cultura della giada nel Neolitico cinese, prima della scoperta dei metalli. Finora era rimasto un mistero il motivo del suo collasso, avvenuto dopo un migliaio di anni di prosperità e consumatosi nel giro di relativamente poco tempo, ma uno studio pubblicato su Science Advances rivela una possibile soluzione all'enigma: la colpa, come hanno "raccontato" alcune stalattiti, è dei cambiamenti climatici.

La Venezia dell'età della pietra. La cultura di Liangzhu era particolarmente avanzata per l'epoca, e fu una delle primissime a sviluppare un sistema di gestione delle acque pubbliche. La città era attraversata da un complicato sistema di canali navigabili controllati da dighe, che servivano a tenere sotto controllo l'acqua ma anche ad alimentare i campi coltivati che si trovavano intorno al centro abitato. Questa gigantesca opera di ingegneria idrica contribuì a far prosperare Liangzhu per circa 1.000 anni, ma fu anche, come si è scoperto, la causa della sua rovina. Studiando le rovine della città, infatti, gli archeologi non sono riusciti a trovare alcun indizio che il crollo della civiltà di Liangzhu possa essere riconducibile a cause umane: non ci sono, per esempio, segni che possa essere stata colpa di una guerra. Le rovine, però, che sono note dal 1936 e che nel 2019 sono state elette patrimonio dell'Unesco, hanno una caratteristica particolare: sono ricoperte da un sottile strato di argilla.

Il diluvio universale. A sud-ovest della città di Liangzhu si trova un sistema di caverne: è lì che gli autori dello studio si sono addentrati per risolvere il mistero dell'argilla. L'hanno fatto interrogando le stalattiti e le stalagmiti, che sono strutture che si formano nel corso di milioni di anni grazie all'incessante azione dell'acqua, e portano dunque dentro di loro una serie di informazioni storiche e climatiche sul luogo in cui si trovano. Il team ha prelevato alcuni campioni di roccia e li ha datati con un sistema di radioisotopi (uranio e torio) che permette di calcolare la loro età con una precisione estrema (il margine di errore è di appena 30 anni). Quello che hanno scoperto è che, nel momento in cui la civiltà di Liangzhu ha cominciato a collassare, circa 4.300 anni fa, tutta l'area stava attraversando un periodo di precipitazioni eccezionali, alle quali si associavano monsoni particolarmente violenti. Un brusco cambiamento del clima che durò 300 anni e portò inondazioni talmente devastanti nei campi coltivati della civiltà di Liangzhu da spazzare via la città, e costringere la popolazione a fuggire e cercare rifugio altrove. Un antenato del ben noto diluvio universale?

9 dicembre 2021 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Chi erano i gladiatori? Davvero lottavano sempre all’ultimo sangue? Con quali armi e tecniche combattevano? Perché gli imperatori investivano una fortuna sui loro spettacoli di morte? Entriamo negli anfiteatri della Roma imperiale per conoscere da vicino gli atleti più famosi dell’antichità. E ancora: come la moda del Novecento ha ridato la libertà alle donne; alla scoperta di Monte Verità, la colonia sul lago Maggiore paradiso di vegani e nudisti; i conflitti scoppiati per i motivi più stupidi; la guerra al vaccino antivaiolo dei primi no vax; le Repubbliche Sorelle.

ABBONATI A 29,90€
Focus e il WWF festeggiano insieme il compleanno: Focus è in edicola da 30 anni e il WWF si batte da 60 per la difesa della natura e degli ecosistemi. Insieme al WWF, Focus è andato nelle riserve naturali e nei luoghi selvatici del mondo per scoprire come lavorano i loro ricercatori e volontari per aiutare la Terra e i suoi abitanti. Inoltre: perché i cicloni sono sempre più violenti; perché la miopia sta diventando un'emergenza globale; come sarebbero gli alieni (se esistessero).
ABBONATI A 31,90€
Follow us