Speciale
Domande e Risposte
Storia

Chi fu per davvero Ponzio Pilato?

Secondo l'evangelista Matteo, Ponzio Pilato condannò Gesù perché reo di blasfemia. Ma la sua figura resta nel mistero.

"Non sono responsabile di questo sangue; vedetevela voi!". Con queste parole, secondo l'evangelista Matteo, il prefetto della Giudea, Ponzio Pilato, condannò Gesù, perché reo di blasfemia. Lavandosene le mani, letteralmente. Della contrarietà del funzionario romano Pilato a condannare l'imputato (lasciando quindi tutta la responsabilità agli Ebrei), parlano soltanto i Vangeli. E l'esistenza stessa di un prefetto di nome Pilato per molto tempo è stata documentata solo dal Nuovo Testamento. Fino al 1961, quando un operaio a Cesarea (in Israele) ritrovò un'epigrafe romana con la frase "Pontius Pilatus, Praefectus Iudeae".

Cover Focus Storia 178 - agosto 2021
Tratto da Focus Storia (n. 178 - agosto 2021), numero che dedica un ampio spazio al processo più importante della Storia: quello di Gesù. © focus

Illustre sconosciuto. Tuttavia, quello che si pensa di sapere su di Ponzio Pilato è solo frutto di ipotesi. Probabilmente era di stirpe sannitica (appartenente alla famiglia vestina dei Pontii) e fu procuratore della Giudea per 10 anni, periodo in cui non deve essere stato molto morbido con i suoi sudditi, che non amava particolarmente.

 

Forse il pugno di ferro durante le numerose rivolte nella provincia, e per questo potrebbe essere stato destituito nel 36 d.C. Anche sulla sua fine ci sono molte ipotesi: forse fu giustiziato da Caligola, forse morì suicida dopo essere stato esiliato in Gallia, oppure penitente, dopo essersi convertito al cristianesimo sotto l'influenza della moglie Claudia. Il mistero sull'uomo che lasciò al suo destino Gesù, dunque, rimane ancora aperto.

21 luglio 2021
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us