Storia

Che cosa sono il “lapis niger” e il “vaso di Dueno”?

Lapis niger (pietra nera) e vaso di Dueno sono due dei documenti più antichi della lingua latina. Si tratta, in entrambi i casi, di iscrizioni del VI-V secolo avanti Cristo, quando Roma era solo...

Lapis niger (pietra nera) e vaso di Dueno sono due dei documenti più antichi della lingua latina. Si tratta, in entrambi i casi, di iscrizioni del VI-V secolo avanti Cristo, quando Roma era solo un villaggio di pastori in riva al Tevere.
Il vaso di Dueno fu trovato alla fine del secolo scorso sul colle Quirinale. Vi è incisa una scritta: Duenos med faked, che in latino classico sarebbe Duenos me fecit (Dueno mi fece). Tra gli elementi di arcaicità della lingua, oltre al pronome med, c’è il gruppo Du, che in latino classico si sarebbe trasformato in Be (come avviene per duellum, che si è trasformato in bellum). La k di faked, invece, non è un arcaismo: venne usata per tutta l’età classica al posto della “c”. Almeno nella pronuncia. Così, il nome Cicero andrebbe pronunciato Kikero e Caesar Kaesar.
Il primo testo latino. Il lapis niger fu trovato nel Foro ed è una pietra di marmo nero forse sacra. In essa, infatti, benché frammentaria e di oscura decifrazione, si legge un’indicazione rivolta ai sacerdoti per rendere innocui gli auspici sfavorevoli. È il più antico documento in alfabeto latino trovato nella valle del Tevere. Le iscrizioni precedenti sono solo in greco. Il latino, infatti, è una lingua indo-europea, portata nel Lazio dal popolo dei latini nel II millennio avanti Cristo. I documenti scritti appaiono tuttavia molto più tardi. In essi il latino rivela l’influsso delle lingue confinanti, in particolare dell’osco, che si parlava nella zona umbra.

28 giugno 2002
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us