Focus

La voce della Storia Vai allo speciale

Charles Dickens, il ritratto di un'epoca

Chi era Charles Dickens, scrittore-simbolo dell'Inghilterra vittoriana? Nel podcast di Focus Storia ne tracciamo il profilo in occasione del 150° anniversario della sua morte.

Charles Dickens, considerato uno dei maggiori autori inglesi del suo secolo, nacque a Landport il 7 febbraio 1812, secondo di 8 figli. E la sua non fu una vita facile. Ne parliamo nel podcast "La Voce di Focus Storia" in occasione del 150º anniversario della sua morte, avvenuta il 9 giugno 1870: lo facciamo con Laura Bartoli, traduttrice e collezionista di Charles Dickens. Ma cominciamo dall'inizio.


La famiglia. Il padre di Dickens, John, era contabile all'ufficio paghe della Marina britannica. Nel 1824 venne arrestato per debiti e la famiglia si installò con lui in carcere, a Londra, come consentito dalle leggi dell'epoca. Il piccolo Charles fu l'unico dei figli costretto a interrompere gli studi per lavorare nella ditta di un cugino, una squallida fabbrica di lucido da scarpe. L'esperienza lo umiliò e il trauma s'aggravò quando, anche dopo l'uscita paterna dal carcere e la chiusura del contenzioso con i creditori, sua madre Elizabeth insistette perché lui continuasse a mantenere la famiglia lavorando. Intorno a questa ferita adolescenziale ruoteranno sia la sua opera, sia le sue scelte sentimentali.

 

Focus Storia 165
Focus Storia è anche in edicola: il numero 165 è dedicato alle coppie che hanno fatto la Storia. | Focus

Dickens è stato un grande interprete del romanzo sociale di intento umanitario, ha denunciato le condizioni di vita disumane in fabbrica, in miniera e negli slums (i quartieri poveri), lo sfruttamento del lavoro infantile e femminile, le storture e le ipocrisie delle istituzioni borghesi. Eppure, come ha scritto il suo primo biografo John Forster, tutta la sua carriera poetica "fu un tentativo di accettare queste sue prime emozioni e privazioni".

 

Dopo essersi impratichito come scrivano e stenografo parlamentare, raggiunse il successo a 24 anni con la raccolta di bozzetti umoristici Sketches by Boz. Da lì pubblicò una serie di opere straordinarie: Il circolo Pickwick, Le avventure di Oliver Twist, David Copperfield, Casa Desolata, Tempi difficili e molti altri.

 

Trascurato, ma... Fu comunque snobbato dall'aristocrazia letteraria londinese e socialmente isolato, ma Dickens compensò queste frustrazioni con la popolarità presso il grande pubblico. La coltivava con teatrali letture pubbliche delle sue opere; in più collaborava a quotidiani e riviste. Uno dei suoi romanzi brevi più famosi, il Canto di Natale, fu pubblicato nel 1843 quando era già al culmine del successo.

 

Il 9 giugno 1865 Dickens fu coinvolto in un terribile incidente ferroviario che lo segnò per sempre: il treno su cui viaggiava cadde da un ponte e l'unica carrozza di prima classe che non precipitò fu proprio la sua.

Ascoltate il podcast di Focus Storia per saperne di più. 
A cura di Francesco De Leo.
Montaggio di Silvio Farina.

------------

Seguici anche su FacebookYoutube Twitter. Puoi ascoltare "La Voce di Focus Storia" anche su Spotify e su Apple Podcasts.

 
22 giugno 2020 | Anita Rubini