Nel cuore della Foresta Amazzonica colombiana scoperta una Cappella Sistina rupestre: un tratto di pareti rocciose con dipinti risalenti a 13mila anni fa.

Siamo nel cuore della Foresta Amazzonica, nella sperduta Serrania de la Lindosa, Parco Nazionale di Chiribiquete (Colombia). Anche se la zona oggi è molto lontana da centri abitati, in un remoto passato doveva essere un'area molto frequentata. È qui infatti, che si trova la più grande concentrazione di arte rupestre di tutto il Pianeta. Quella che è stata ribattezzata la "Cappella Sistina rupestre" è un tratto di pareti rocciose, lungo oltre 12 chilometri, dove uomini vissuti anche 13.000 anni or sono, hanno lasciato dipinti di una bellezza incantevole e suggestiva.

Mastodonti e bradipi. Immagini che ci raccontano l'interazione tra uomini e animali dell'epoca come mastodonti (simili ad elefanti, estinti da tempo), cavalli del periodo glaciale e giganteschi bradipi.

Il tutto consente di ricostruire scene di caccia e di vita quotidiana – come le figure di persone rappresentate vicino a piante e altri organismi vegetali della savana di allora – ma non mancano anche rappresentazioni e forme geometriche  che sono ancora tutte da capire e interpretare. Tra gli animali dipinti si possono osservare cervi, tapiri, alligatori, pipistrelli, scimmie, tartarughe, serpenti e istrici, oltre a quella che sembra essere la megafauna dell'era glaciale.

Con la scala. Alcuni dipinti vennero realizzati ad un'altezza tale che dovettero richiedere necessariamente la costruzione di scale o altri mezzi: gli autori avranno immaginato che, altrimenti, quelle figure sarebbero risultate difficilmente visibili per le persone che fossero transitate.

La scoperta risale a inizio 2020, ma è stata divulgata solo adesso ai mezzi di informazione, alla vigilia della trasmissione nel canale tv britannico Channel 4 di un documentario dedicato a questo argomento.

Secondo gli autori della scoperta, un gruppo di ricercatori e archeologi britannici e colombiani, la grandezza della scoperta risiede nel fatto che si tratta di immagini realizzate dalle prime persone che andarono a vivere nell'Amazzonia occidentale, in un momento di cambiamenti climatici estremi, che stavano portando alla trasformazione della vegetazione da savana a foresta tropicale qual è oggi.

Stando ai ricercatori quelle pitture sono una prova spettacolare di come già allora gli esseri umani, oltre a impegnarsi nel cacciare, coltivare e pescare, avessero nei dipinti un modo per comunicare e socializzare.

5 dicembre 2020 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us