Storia

Trovate prove dell'uso di cannabis a scopo ricreativo nella Milano del 1600

Le prime prove archeologiche dell'uso privato di cannabis in epoca moderna sono state trovate nelle ossa di alcuni milanesi del 17esimo secolo.

L'uso di cannabis a scopo ricreativo o autocurativo era già diffuso nella Milano del 1600. Le prime prove archeologiche dirette dell'utilizzo di questa sostanza in epoca moderna sono state trovate nei resti ossei di alcune persone vissute alla fine del 17esimo secolo e sepolte nella Cripta della Ca' Granda, sotto l'ex Ospedale Maggiore, dove oggi c'è l'Università Statale.

Evidenze lampanti. Gaia Giordano, ricercatrice del Laboratorio di Antropologia Forense dell'ateneo milanese, ha analizzato con i colleghi nove campioni di ossa femorali estratti dai resti dei pazienti anticamente deceduti nell'Ospedale Maggiore. Nei femori di un giovane uomo e di una donna di mezza età morti tra il 1638 e il 1697, Giordano ha trovato molecole di tetraidracannabinolo (THC) e cannabidiolo (CBD), composti chimici - il primo dei quali dall'effetto psicoattivo - presenti nella Cannabis sativa.

Ossa che raccontano. Queste molecole, come quelle di altre piante medicinali, possono preservarsi per secoli dopo la morte, dopo aver viaggiato nel sangue ed essersi depositati nelle ossa. Gli autori dello studio, pubblicato sul Journal of Archaeological Science, le hanno isolate attraverso analisi tossicologiche effettuate sui resti polverizzati, che hanno permesso di separare e purificare i singoli composti chimici in una soluzione liquida e riconoscerli usando la tecnica della spettrometria di massa.

Uso privato. Benché la documentazione sui farmaci usati per trattare i pazienti dell'ex ospedale sia ancora conservata negli archivi, gli scienziati non hanno trovato alcuna menzione della cannabis tra le piante usate. L'ipotesi, dunque, è che la sostanza non facesse parte delle cure ospedaliere, ma che sia invece stata assunta dai due individui a scopo ricreativo, o come forma di automedicazione.

Archeo-CSI. Al di là delle interessanti deduzioni sull'impiego di cannabis nella Milano del 1600, la tecnica impiegata nello studio apre le porte a nuove indagini di archeotossicologia: è noto che la cannabis trovava largo impiego anche in antichità, ma poterlo provare con più certezza direttamente sulle ossa umane aprirà nuove possibilità nella ricerca storica.

5 dicembre 2023 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us