Storia

Scoperta: la caccia non è una cosa (solo) da uomini

Nella maggior parte delle società di cacciatori-raccoglitori anche le donne cacciano: una scoperta che ribalta la visione classica delle donne solo raccoglitrici e gli uomini cacciatori.

Sfatiamo un mito: nelle società di cacciatori-raccoglitori, le donne non si limitano a raccogliere piante e cibo da terra. Secondo uno studio pubblicato su PLOS One che ha analizzato i dati di diverse società di questo tipo degli ultimi cento anni, almeno 8 volte su 10 cacciano anche le donne insieme agli uomini. Questa nuova consapevolezza è sostenuta da numerose prove archeologiche, poiché molti scheletri femminili sono stati ritrovati seppelliti accanto ad armi usate per la caccia.

Cacciatrici di grossi animali. Secondo alcuni studiosi il ruolo delle donne come cacciatrici sarebbe limitato a epoche passate e non si ritroverebbe nelle società moderne: per verificare questa teoria, i ricercatori hanno analizzato i dati relativi agli ultimi cento anni riguardanti 63 società di cacciatori-raccoglitori sparse per il mondo, dall'America, all'Africa, all'Australia, all'Asia, alla regione oceanica. È emerso che le donne non solo cacciano nel 79% delle società analizzate, a prescindere dal fatto che siano mamme o meno, ma che in oltre il 70% dei casi la caccia è intenzionale – cioè non avviene per caso durante lo svolgimento di altre attività – e riguarda spesso prede grosse.

No agli stereotipi di genere. Oltre a praticarla, le donne insegnano anche l'arte della caccia e spesso utilizzano più strategie e impiegano una varietà di armi più vasta degli uomini. Secondo gli autori, lo stereotipo "uomo cacciatore-donna raccoglitrice" avrebbe influenzato anche gli studi archeologici precedenti, che sarebbero stati interpretati alla luce di pregiudizi portando, per esempio, a non considerare come armi da caccia gli oggetti spesso ritrovati accanto a scheletri femminili. Per questo chiedono di rivalutare queste prove, e in futuro di prestare più attenzione alla corretta interpretazione delle evidenze senza pregiudizi di genere.

18 luglio 2023 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us