Storia

48mila anni fa i Neanderthal davano la caccia ai leoni delle caverne per mangiarli (e non solo)

I Neanderthal cacciavano grandi predatori come i "leoni delle caverne": una volta uccisi li macellavano, li evisceravano e ne conservavano il pelo come trofeo, lasciando zampe e artigli intatti.

I Neanderthal cacciavano i "leoni delle caverne" (Panthera spelaea), grandi felini, oggi estinti, che assomigliavano a leoni, ma erano più massicci. La scoperta è una delle prime prove che i "cugini" dei sapiens cacciavano anche i predatori più pericolosi, non solo mammut e gazzelle, come si era creduto finora. 

Rivista e corretta. L'analisi di due scheletri di felini dimostra che probabilmente non venivano cacciati solo per le loro carni, ma anche a scopo rituale: uno degli animali, infatti, conservava ancora gli artigli attaccati. Le conclusioni, pubblicate su Nature, arrivano dal team di Gabriele Russo dell'Università di Tubinga in Germania, che ha riesaminato uno scheletro di leone delle caverne di 48.000 anni trovato a Siegsdorf (Germania) negli Anni '80.

La lancia nel costato. I ricercatori sapevano già che gli scheletri presentavano tagli sulle ossa, il che suggeriva che il leone fosse stato macellato dopo la morte, per nutrirsene. Russo, però, ha individuato anche un segno lasciato da una lancia di legno conficcata nelle costole: un chiaro indizio che il leone era stato cacciato intenzionalmente. In passato, la ferita era stata ritenuta erroneamente quella di un altro carnivoro, ma il nuovo studio attribuisce la causa della morte dell'animale al colpo inferto dalla lancia.

Neanderthal - Leone delle caverne scheletro
I resti del leone delle caverne di Siegdorf accanto a una riproduzione di una lancia in legno simile a quelle usate dai Neanderthal. © Volker Minkus/NDL

Chi è stato? Visto che l'uomo moderno (Homo sapiens) non si era ancora stabilito in Europa 48.000 anni fa, i "cacciatori" sono stati individuati nei Neanderthal (Homo neanderthalensis) che all'epoca vivevano nel continente.

L'aspetto rituale. Durante la ricerca, la squadra di Russo ha scoperto un nuovo esemplare di leone delle caverne nella grotta di Einhornhöhle in Germania. Sotto uno strato di sedimenti datato a circa 190.000 anni fa, sono stati ritrovati resti di ossa provenienti dalla punta delle dita dei piedi del felino. Le ossa presentavano segni di taglio, a indicare che l'animale era stato scuoiato «in modo che gli artigli rimanessero attaccati alla zampa dell'animale», spiega Russo.

Questo dimostrerebbe che i Neanderthal portarono la pelle del leone all'interno della caverna, forse a scopo rituale o semplicemente decorativo.

Cacciatori prudenti. Questa scoperta permette di affermare che gli ominidi che precedettero l'homo sapiens avevano gli strumenti e le capacità per cacciare anche animali molto pericolosi. Anche se Russo sottolinea che, probabilmente, non prendevano di mira così spesso i grandi predatori, sia perché si trattava di animali meno comuni degli erbivori sia per il pericolo che comportava questo tipo di caccia.

27 ottobre 2023 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us