Storia

Questa bottiglietta ci svela di che cosa sapevano gli antichi Romani duemila anni fa

In un vasetto sigillato quasi duemila anni fa, è stato trovato un unguento al profumo di patchouli. Una profumazione esclusiva che gli antichi Romani usavano per sedurre.

Di che cosa "sapevano" gli antichi Romani? A rispondere alla domanda è un gruppo di ricercatori che hanno rinvenuto, in una tomba romana dell'antica città di Carmona, vicino a Siviglia, una bottiglia di quarzo sigillata da quasi 2mila anni.

Dentro a questo piccolo unguentarium (alto circa 8 cm) c'era una massa solida che, analizzata dal team guidato da Daniele Cosano dell'Università di Cordoba, si è rivelata essere un unguento al profumo di patchouli. A svelare questa scoperta è uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Heritage.

PROFUMATA OFFERTA. La tomba in questione è stata scoperta nel 2019 durante lavori di ristrutturazione di un edificio a Carmona, che tra il I e il II secolo d.C. era uno dei principali centri della provincia romana di Betica, nella Spagna meridionale. Si tratta di un complesso funerario di famiglia con otto nicchie, due vuote e sei "usate" e occupate da altrettante urne (tre femminili e tre maschili).

In ognuna di queste nicchie erano presenti anche numerose offerte funebri come, per esempio, i resti di una borsa di stoffa, tre perline d'ambra e una scatola di piombo a forma di uovo. La bottiglietta a forma di anfora dal misterioso contenuto era nella nicchia che ospitava i resti di una donna morta a una quarantina di anni d'età.

La tomba di famiglia scoperta nell’antica città di Carmona: aveva otto nicchie, due vuote e sei “usate” e occupate da altrettante urne (tre femminili e tre maschili). In una di queste nicchie è stata trovata la boccetta di profumo.
La tomba di famiglia scoperta nell’antica città di Carmona: aveva otto nicchie, due vuote e sei “usate” e occupate da altrettante urne (tre femminili e tre maschili). In una di queste nicchie è stata trovata la boccetta di profumo. © Juan Manuel Román

SIGILLATO PER l'eternità. Analisi approfondite hanno svelato che il tappo dell'unguentarium era di una pietra calcarea chiamata dolomite (piuttosto insolita per questo utilizzo) ed era stato sigillato con bitume, che ha garantito un eccezionale stato di conservazione.

Per quanto riguarda la realizzazione del profumo - troviamo queste indicazioni anche negli scritti di Plinio Il Vecchio - si utilizzavano due componenti: una base o legante, che facilitava la conservazione degli aromi, e l'essenza. In questo caso, la base era costituita da un olio vegetale, forse di oliva. L'essenza era invece stata ottenuta da una pianta di origine indiana, il Pogostemon cablin (in Malaysia conosciuta con il nome di puchaput).

UNA LUNGA STORIA. Come confermano i rinvenimenti archeologici a Luxor, già gli Egizi, circa 5mila anni fa, facevano largo uso di profumi. E con loro tutti i popoli del Mediterraneo antico. Usavano prodotti a base oleosa a cui aggiungevano aromi vegetali come la mirra, l'incenso e l'aloe. E appunto il patchouli, fragranza particolarmente rara adorata anche da Poppea (30-65).

Si dice che la celebre matrona, seconda moglie dell'imperatore Nerone, avesse fra i segreti della sua seduzione proprio il patchouli, una pianta utilizzata da moltissimi secoli in India, soprattutto come stimolante sessuale.

La fragranza usata da Poppea è stata individuata campionando i residui in 15 boccette restituite dagli scavi della sua villa a Oplontis.

5 giugno 2023 Anita Rubini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Gli eccessi della Rivoluzione francese raccontati attraverso la tragedia delle sue vittime più illustri, Luigi XVI e Maria Antonietta. La cattura, la prigionia, i processi e l’esecuzione della coppia reale sotto la lama del più famoso boia di Parigi. E ancora: come si studiava, e si insegnava, nelle scuole del Cinquecento; l’ipotesi di delitto politico dietro la morte di Pablo Neruda, pochi giorni dopo il golpe di Pinochet; l’aeroporto di Tempelhof, a Berlino, quando era palcoscenico della propaganda nazista.

ABBONATI A 29,90€

Perché il denaro ci piace tanto? Gli studi spiegano che accende il nostro cervello proprio come farebbe gustare un pasticcino o innamorarsi. E ancora: la terapia genica che punta a guarire cardiopatie congenite o ereditarie; come i vigili del fuoco affinano le loro tecniche per combatte gli incendi; i trucchi della scienza per concentrarsi e studiare meglio; si studiano i neutrini nel ghiaccio per capire meglio la nostra galassia.

ABBONATI A 31,90€
Follow us