Storia

I blocchi di granito delle piramidi arrivarono a Giza grazie a un fiume ora scomparso

Oggi il Nilo scorre a una distanza considerevole dalla necropoli di Giza, vicino al Cairo, in Egitto. Ma 4.000 anni fa c'era un braccio del fiume che passava proprio accanto al complesso e potrebbe aver aiutato a trasportare il materiale necessario.

Sulla realizzazione della necropoli di Giza si sono scervellate generazioni di archeologi: come riuscirono gli antichi Egizi a trasportare, 4.500 anni fa, milioni di blocchi di granito per costruire le tre piramidi principali (Cheope, Chefren e Micerino) e quelle più piccole, varie altre tombe, i templi funerari, le rampe processionali e la Sfinge? Secondo un gruppo di ricercatori francesi, che hanno pubblicato il loro studio su Proceedings of the National Academy of Sciences, la chiave è da cercare in un corso del fiume Nilo che oggi non esiste più.

Focus Storia 191 - settembre 2022
Di antico Egitto si parla anche su Focus Storia 191 (settembre 2022). Perché non ti abboni? © Focus Storia

RAMO PROSCIUGATO. Le piramidi di Giza sorgono in mezzo a un pianoro brullo, con il corpo centrale del Nilo che scorre a circa 8 km di distanza; troppi per poter essere stato utile per il trasporto dei materiali necessari. Un tempo però un ramo del fiume – noto come ramo di Khufu – si estendeva proprio fino al complesso piramidale.

La sua esistenza era già nota, ma il nuovo studio ne ha ricostruito gli 8.000 anni di storia grazie all'analisi dei granuli di polline antico depositati nella pianura alluvionale. Risultato? Il corso d'acqua era ancora navigabile all'epoca della realizzazione delle piramidi, tra 2686 e 2160 a.C.

Il ramo di Khufu, braccio ora scomparso del fiume Nilo, in una ricostruzione.  Passava proprio accanto al complesso delle piramidi di Giza e potrebbe aver aiutato a trasportare materiale fino a lì.
Il ramo di Khufu, braccio ora scomparso del fiume Nilo, in una ricostruzione. Passava proprio accanto al complesso delle piramidi di Giza e potrebbe aver aiutato a trasportare materiale e lavoratori fino a lì. © Alex Boersma/PNAS

ALTI E BASSI. I ricercatori – guidati dal Centro europeo per la ricerca e l'insegnamento delle geoscienze ambientali (Cerege), in Francia – hanno ricostruito il tipo di vegetazione che (oltre 60 piante) che ricopriva la pianura alluvionale riuscendo a tracciare così le variazioni nei livelli dell'acqua di quel ramo fiume. In particolare, è emerso che le acque rimasero particolamente alte durante il Periodo umido africano, che va da 14.800 anni fa a 5.500 anni fa: in questo lungo lasso di tempo sulla Piana di Giza crebbero graminacce, alberi e si formarono laghi.

VIA LIBERA. I livelli dell'acqua sarebbero rimasti relativamente alti per qualche tempo anche dopo il Periodo Umido Africano, rendendo il fiume navigabile fino alla costruzione della Grande Piramide di Giza, dedicata al faraone Cheope (Khufu), che regnò dal 2509 al 2483 a.C. Questo braccio raggiungeva probabilmente anche l'area del complesso su cui fu eretta la Sfinge.

3 settembre 2022 Anita Rubini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us