Storia

Una spada risalente all'epoca pre-vichinga è stata trovata da una bimba di 8 anni in Svezia

In un lago svedese una bimba ha estratto quella che sembra un'antica spada, che potrebbe risalire a un'epoca pre-vichinga.

Si chiama Saga Vanecek, è una bambina di soli 8 anni che qualche giorno fa, complice la siccità estiva che ha abbassato il livello del lago svedese Vidöstern, ha trovato una spada da 85 centimetri che sembra appartenere all'era pre-vichinga.

spada lago bambina svedese vichinghi
Il lago svedese dov'è stata trovata la spada e dove ora il museo sta effettuando ricerche col metal detector. © Jönköpings Läns Museum

Epico ritrovamento. Saga ha trovato l'antica arma mentre era al lago col padre, in un punto dove l'acqua era alta meno di mezzo metro. Ha raccontato di aver toccato qualcosa con la mano, pensando inizialmente che fosse un bastone, ma che, una volta sollevato, ha mostrato una maniglia che sembrava proprio quella di una spada.

Dopo il ritrovamento, la famiglia della bambina ha contattato il locale museo Jönköpings Läns che ha analizzato l'antico manufatto. Dalle prime analisi è emerso che la spada, completa di fodero di legno e cuoio, è in buono stato di conservazione, considrando la sua età. Ma la età è ancora incerta: secondo le prime stime potrebbe essere stata fabbricat tra 1.000 e 1.500 anni fa.

sir bedivere excalibur spada dama del lago bambina
Illustrazione tratta da "La morte di Re Artù" (1470 ca.) di Thomas Malory. Sir Bedivere, Cavaliere della Tavola Rotonda, restituisce la spada Excalibur al lago.

Non solo nella roccia. È quindi possibile che la spada sia finita nel lago prima dell'inizio dell'era vichinga (nel 793). Inoltre merita una menzione una curiosa coincidenza: proprio 1.500 anni fa, secondo una versione del ciclo arturiano, Re Artù ricevette in dono la mitica spada Excalibur da Nimue, la Dama del Lago.

9 ottobre 2018 Davide Lizzani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us