Storia

Da quando si utilizza la bandiera bianca in segno di resa?

Per arrenderci la sventoliamo da più di duemila anni: la prima volta accadde nell'antica Cina. Ecco come si diffuse l'uso della bandiera bianca.

Il primo uso – documentato – dello stendardo bianco da parte di chi si arrende in battaglia risale alla dinastia cinese Han (226 a.C.-220 d.C.).

In seguito ne parlò lo storico romano Publio Cornelio Tacito che riporta un episodio del 109 d.C. in cui i legionari, che in segno di resa solitamente sollevavano gli scudi in alto sopra la testa, quella volta sventolarono invece una bandiera bianca.

VIETATO IL CATTIVO USO. Durante le battaglie medievali l'uso si diffuse largamente e la bandiera bianca (simbolo di purezza e pace) venne usata per indurre il nemico al cessate il fuoco. Tra l'altro era anche facile da costruire: bastava legare un panno bianco su un bastone e poi sventolarlo e l'intento al nemico era subito chiaro.

L'utilizzo della bandiera bianca è tuttora regolato dalla convenzione dell'Aja del 1907 e non rispettarla, usandola per esempio per avvicinarsi con l'inganno al nemico o ferire chi la porta, è considerato un crimine di guerra.

2 gennaio 2023
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us