Storia

Essere bambini a Sparta: la cura degli innocenti

Analisi dei testi e verifiche archeologiche smentiscono la credenza che a Sparta e in altre città stato dell'antica Grecia i neonati con disabilità venissero soppressi: un falso mito attribuibile più alla modernità che all'antichità.

Chi fra i banchi di scuola non ha mai provato pena per quei poveri bambini spartani che, nati imperfetti, venivano abbandonati o buttati giù dal monte Taigeto? Quando gli insegnanti suscitavano in noi diffusa indignazione, l'archeologia non aveva ancora verificato la fondatezza del racconto. In particolare quella del filosofo Plutarco: nella Vita di Licurgo, scritta nel 100 a.C., Plutarco riferiva che i neonati a Sparta dovevano passare l'ispezione degli anziani. Se erano prematuri, sotto una certa misura o con delle deformità, erano immediatamente scartati e mandati a morte. Una simile ricostruzione, non confermata da altre fonti antiche, fu cara al nazismo per giustificare l'eliminazione sistematica degli handicappati. E fu presa per buona anche nei paesi democratici, come archetipo del cinismo delle dittature.

Ora, però, un'analisi su base testuale e archeologica, apparsa sulla rivista di studi classici Esperia e ripresa da Science, sfata il mito negativo degli spartani, ma anche la generale presunta tendenza all'infanticidio di bambini con difficoltà fisiche o anche solo perché di sesso femminile che si pensa sia esistita nell'intera Grecia antica. L'autrice dello studio, Debby Sneeds, classicista della California University, fa notare che Plutarco parlava di fatti presunti che sarebbero avvenuti sette secoli prima della sua nascita, e che negli stessi suoi racconti un altro re spartano era insolitamente basso di statura, bruttino e con problemi alle gambe - e ciò nonostante divenne un grande capo. Inoltre, in uno scritto del 400 a.C., un medico consigliava ai colleghi come accudire le persone con disabilità alle braccia dalla nascita, testimoniando indirettamente il contrario dell'uso di uccidere o fare morire bambini con problemi fisici.

Una madre spartana porge lo scudo al figlio (Jean-Jacques-François Le Barbier, 1738-1826). Le donne spartane contavano più delle ateniesi e non sembra verosimile che permettessero infanticidi selettivi dei propri neonati, anche se dovevano cedere la loro educazione allo Stato quando i figli avevano appena 7 anni. Con buona pace della fama di società chiusa, quella spartana consentiva libertà inaccettabili per gli Ateniesi. Per esempio, ammetteva non solo i rapporti omoerotici maschili, ma anche, caso unico nell'antichità, quelli omoerotici femminili.
Una madre spartana porge lo scudo al figlio (Jean-Jacques-François Le Barbier, 1738-1826). Le donne spartane contavano più delle ateniesi e non sembra verosimile che permettessero infanticidi selettivi dei propri neonati, anche se dovevano cedere la loro educazione allo Stato quando i figli avevano appena 7 anni. Con buona pace della fama di società chiusa, quella spartana consentiva libertà inaccettabili per gli Ateniesi. Per esempio, ammetteva non solo i rapporti omoerotici maschili, ma anche, caso unico nell'antichità, quelli omoerotici femminili. © Creative Commons

In diversi luoghi della Grecia sono state trovate fiaschette con beccucci adatte a nutrire bambini con la palatoschisi (malformazione genetica della bocca che provoca problemi di alimentazione e di linguaggio), anche accanto ai loro corpi inumati: non ammazzati, ma defunti per morte naturale. Vicino all'Agorà di Atene sono stati trovati 400 scheletri di neonati, ma nessuno mostra segni d'infanticidio selettivo - rientrando così nel tasso di mortalità infantile dell'epoca, intorno al 40%. Anzi, in una sepoltura è stato trovato lo scheletro di un bambino di 8 mesi affetto da idrocefalia, una condizione di accumulo di liquido spinale nella scatola cranica, allora mortale: prima di morire il bambino era stato alimentato e curato per mesi, non abbandonato.

Alcune figure greche nostrano adulti con disabilità congenite. «Nell'insieme, le prove archeologiche dimostrano che i bambini deboli e disabili venivano accompagnati nella crescita per diventare adulti accettati dalla comunità», afferma Sneeds: «bisognerebbe diffidare dei miti: in assenza di prove, si vogliono vedere nella Grecia antica problemi di accettazione dei disabili che in realtà non esistevano, mentre questi problemi li abbiamo noi, nella società moderna, in cui sono richieste efficienza e apparenza a ogni costo.»

Licurgo di Sparta in un dipinto di Jaques-Louis David (1748-1825). La donna sulla destra ha un neonato da mostrare al consiglio degli anziani. Scrive Plutarco (Le Vite):
Licurgo di Sparta in un dipinto di Jaques-Louis David (1748-1825). La donna sulla destra ha un neonato da mostrare al consiglio degli anziani. Scrive Plutarco (Le Vite): "Se lo trovavano gracile e malfatto ordinavano che venisse gettato in una voragine del monte Taigeto, detta Apotete. Non conveniva infatti né alla polis né al bambino che fosse lasciato crescere per restare sempre debole e dal fisico infelice". © Creative Commons

Anche la storica dell'Università di Milano Eva Cantarella è recentemente scesa in campo per sfatare il mito negativo di Sparta. Lo ha fatto con il libro Sparta e Atene. Autoritarismo e democrazia (Einaudi, 2021), dove mostra come l'antitesi Atene-Sparta sia una esagerazione dei nostri tempi, per idealizzare diversi modelli istituzionali. L'opposizione che vuole da una parte gli spartani autoritari, cultori della forza fisica e dell'eugenetica, e dall'altra gli ateniesi, animatori di assemblee e liberi filosofi, non è supportata da prove convincenti, o almeno le differenze non erano così nette. Se, per esempio, consideriamo le donne, queste erano molto più libere e ascoltate a Sparta che ad Atene, dove un signore di nome Aristotele non aveva diritto di voto nell'assemblea cittadina dato che un altro insigne personaggio di nome Pericle, nonostante le belle parole, aveva pensato bene, diversi anni prima, di restringere i diritti politici e la platea dei partecipanti all'assemblea.

10 febbraio 2022 Franco Capone
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Albert Einstein amava la vita, la fisica e odiava le regole. Osteggiato in patria e osannato nel mondo, vinse molte battaglie personali e scientifiche. A cento anni dal Nobel, il ritratto del più
grande genio del Novecento che ha rivoluzionato le leggi del tempo e dello spazio. E ancora: la storia di Beppe Fenoglio, tra scrittura e Resistenza; l'impresa di Champollion, che 200 anni fa decodificò la stele di Rosetta e svelò i segreti degli antichi Egizi; contro il dolore, la fatica, la noia: le droghe naturali più usate nel corso dei secoli.

ABBONATI A 29,90€

Il sonno è indispensabile per rigenerare corpo e mente. Ma perché le nostre notti sono sempre più disturbate? E a che cosa servono i sogni? La scienza risponde. E ancora: pregi e difetti della carne, alimento la cui produzione ha un grande impatto sul Pianeta; l'inquinamento e le controindicazioni dell’energia alternativa per gli aerei; perché ballare fa bene (anche) al cervello. 

ABBONATI A 31,90€
Follow us