Speciale
Domande e Risposte
Storia

Che fine hanno fatto gli Aztechi?

In Messico, a 500 anni dall'invasione degli spagnoli, l'eredità degli Aztechi è dappertutto. E non solo nell'aspetto fisico della popolazione.

La civiltà azteca scomparve, ma gli Aztechi vivono ancora. Se nel Messico dei nostri giorni si dovessero rintracciare gli indios puro sangue, si raccoglierebbero i due quinti della popolazione; e se si dovesse mettere da parte anche chi ha solo un po' di sangue indio nelle vene, la popolazione si ridurrebbe a un ventesimo. A 500 anni dall'invasione degli spagnoli guidati da Hernán Cortéz, il Messico è la nazione più americana delle Americhe. Lo dimostrano anche l'aspetto fisico di molti abitanti (bassa statura, carnagione rossiccia, capelli neri e lisci) e la lingua, il nahuatl, ancora parlato in alcune regioni.

La popolazione india e meticcia, rivoluzione dopo rivoluzione (le più celebri, tra il 1911 e il 1920, quelle di Pancho Villa e di Zapata) ha aumentato il proprio peso rispetto ai discendenti "purosangue" dei conquistadores spagnoli. Uno spirito risorgimentale che oggi si manifesta, per esempio, tra gli indios del Chiapas, che si rifanno sì alla rivoluzione messicana di Zapata (anch'egli indio, fra l'altro) ma anche alle tradizioni precolombiane.

Città del Messico. L'eredità azteca è dappertutto: la piazza principale di Città del Messico, Plaza de la Constitución, copre quella della antica capitale azteca, Tenochtitlán e il palazzo del presidente del Messico sorge sulla residenza dell'ultimo imperatore, Montezuma.

Ricostruzione del Templo Mayor di Tenochtitlan.
Ricostruzione del Templo Mayor di Tenochtitlan presso il Museo Nazionale di Antropologia a Città del Messico. © Wikipedia

Perfino la bandiera messicana ha una simbologia azteca: al centro, un'aquila appollaiata su un fico d'india ha nel becco un serpente. La figura si rifà alla leggenda precolombiana della fondazione di Tenochtitlán, costruita dove gli Aztechi videro, appunto, un'aquila catturare un serpente. E se in genere la cultura india è un amalgama delle antiche pratiche indigene con gli insegnamenti dei monaci cattolici del XVI secolo, esistono ancora zone dove l'eredità azteca è meno contaminata. Nei dintorni della città di Cuernavaca, per esempio, i diretti discendenti degli Aztechi coltivano ancor oggi le terre in riva a un lago con le medesime tecniche dei loro antenati, usando solamente zappe con la lama ricurva, senza né aratri né sistemi di irrigazione.

Da Che fine hanno fatto?, di Riccardo Tonani, tratto da Focus Storia 62 (disponibile in digitale). Leggi anche il nuovo Focus Storia in edicola!

31 gennaio 2022
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us