Storia

Arco e frecce: i Sapiens li usavano già 54mila anni fa, ben prima di quanto finora scoperto

I primi Sapiens arrivati in Europa avevano già arco e frecce: successe almeno 40mila anni prima di quanto si era finora scoperto. E fu un grande vantaggio sui "cugini" Neanderthal.

Nella grotta di Mandrin, nel sud della Francia, 54mila anni fa si stabilì l'Homo sapiens, lasciando la sua firma: il dente da latte di un bambino, i tipici strumenti di selce. E già questa era una scoperta non da poco, dato che l'arrivo diffuso dei Sapiens in Europa "culla dei Neanderthal" viene comunemente fatto risalire a 10mila anni più tardi.

Ora i ricercatori hanno messo a segno una scoperta altrettanto importante: fra i circa 1.500 utensili trovati nella grotta di Mandrin e attribuibili al Sapiens sono state individuate più di 100 piccole punte di freccia (di 1-2 cm). Un fatto che anticipa di 40mila anni l'uso dell'arco nella preistoria europea. Non solo: l'innovazione dell'arco, rendendo i tiri più precisi rispetto alle lance e la caccia più efficiente, avrebbe fatto la differenza quando le due specie, Sapiens e Neanderthal, si trovarono a occupare la stessa nicchia ecologica in una stessa area geografica.

Freccia fumante. «Fra le punte di freccia ce ne sono alcune intere, altre con segni d'impatto», spiega Laure Metz, dell'Università Aix-Marselle, che ha partecipato allo studio pubblicato su Science Advance. «Tra quelle danneggiate, alcune mostrano tracce di esposizione al fuoco». Sono insomma la "pistola fumante" che prova l'effettivo uso dell'arco in tempi così antichi.

Queste punte si trovavano all'interno degli animali uccisi quando la carne venne cotta, e furono recuperate durante il pasto anche per essere ritoccate. La selce all'epoca era un bene prezioso e non andava sprecata. «Abbiamo trovato anche punte rotte che erano state portate nella grotta con le frecce e che andavano sostituite», aggiunge la studiosa. Per avere una conferma sperimentale, i ricercatori hanno fabbricato frecce con punte di selce e le hanno utilizzate trovando corrispondenza nel comportamento dei materiali e nei segni d'impatto.

Una casa per due. La grotta di Mandrin fu abitata dall'Uomo di Neanderthal per 80mila anni: quando, 54 mila anni or sono, arrivò quella pattuglia di Sapiens con arco e frecce, il Neanderthal se ne era andato. I Sapiens vi rimasero 40 anni, come dimostrano depositi di calcite trovati sui loro strumenti e databili con precisione. «All'epoca i Sapiens dovevano essere troppo pochi in Europa per fare massa critica e così non si affermarono, scomparendo dal nostro record fossile per un bel pezzo», spiega Metz. «Quanto ai Neanderthal, tornati nella grotta, non adottarono lo stile dei Sapiens, tanto meno arco e frecce che videro quasi certamente in azione con i nuovi arrivati».

Forse li considerarono oggetti di una cultura proibita e quindi tabù. O forse ebbero fiducia anche per il futuro nelle loro lance che utilizzavano come lunghi spiedi per trafiggere persino i pachidermi, stando loro a due o tre metri di distanza con evidente coraggio. Quando poi, circa 40mila anni fa, furono i Neanderthal, prossimi al declino, ad abbandonare la grotta di Mandrin, i Sapiens vi rientrarono dopo un solo giorno, come denotano le datazioni precise dei resti di focolari nella grotta.

12 marzo 2023 Franco Capone
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us