Storia

Antico gioiello egizio ricavato da un meteorite

Le perle di una collana rinvenuta all'inizio del '900 sono state realizzate con il ferro di rocce celesti cadute sulla Terra almeno 3300 anni prima di Cristo.

Un gioiello "spaziale", e non solo per via della sua bellezza: una collana egizia risalente a 5300 anni fa e rinvenuta all'interno di una tomba è stata realizzata con il ferro di un meteorite, come rivela uno studio britannico.

Guarda anche: le meteoriti metalliche del cratere Kamil, in Egitto

La lavorazione del ferro nell'Antico Egitto era una pratica consolidata già nel VI secolo a.C., ma gli archeologi hanno rinvenuto, negli anni, anche alcuni artefatti molto più vecchi - quasi tutti provenienti da tombe della nobiltà o degli alti funzionari, incluso un gioiello trovato nella tomba di Tutankhamon - di cui non sono riusciti a stabilire la provenienza. Il più vecchio di questi reperti, alcune perline di ferro rinvenute nel 1911 in un cimitero vicino al fiume Nilo risalenti al 3300 a.C., era già stato esaminato in passato, ma nessuno era ancora riuscito a indovinarne le origini.

Svelato al mondo il vero volto di Tutankhamon

Diane Johnson della Open University di Milton Keynes (Inghilterra) ha studiato nuovamente i gioielli con i colleghi, arrivando alla conclusione che sono stati ricavati da un meteorite. Come queste rocce spaziali infatti, le perle presentano bassi livelli di nickel all'esterno ed alti all'interno. Inoltre, i gioielli presentano una struttura dei cristalli molto riconoscibile, intricati disegni di lamelle che appaiono scaldando la roccia, noti come "figure di Widmanstätten", e tipici dei meteoriti. L'origine delle collanine quindi, sarebbe davvero celeste.

L'oro del Nilo del regno dei Kush, vicini di casa degli Egizi

Il ferro era considerato dagli Egizi un materiale divino, simbolo di regalità e potere. Metterlo nella tomba del defunto avrebbe garantito al caro estinto una sorta di "priorità" nel passaggio all'aldilà.

Gli Egizi? Scultori e scalpellini, non muratori
In un antico pigmento egizio la chiave per le telecomunicazioni del futuro

5 giugno 2013 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us