Storia

Anche gli antichi Romani scrivevano oscenità nei bagni pubblici?

Gli antichi Romani sono stati precursori in tanti campi. Perfino nel malcostume odierno di scrivere battute sconce nelle publicae latrinae. Quali?

Gli antichi Romani furono precursori in molti campi della vita sociale, politica e culturale: alcuni meritevoli, come il diritto o l'ingegneria; altri meno, come la corruzione e... le scritte oscene e gli annunci sessuali nei bagni pubblici. Le fonti parlano chiaro: nelle pubblicae latrinae o nelle terme, sono emersi non solo mosaici decisamente audaci raffiguranti scene erotiche e falli enormi, ma anche battute sconce simili a quelle che troviamo oggi nelle toilette.

Focus 361
Non solo i Romani, ma anche i Babilonesi e i Greci antichi erano esperti in insulti: leggete S.V.Q.R: sono volgari questi Romani, di Alex Saragosa, su Focus in edicola! © Focus

Sono molte le iscrizioni emerse dagli scavi archeologici effettuati nelle latrine romane, sia ai confini che al centro dell'Impero. Grazie a queste fonti dirette, sappiamo che anche il popolo - e quindi non solo poeti come Catullo e Marziale che scrivevano versi "proibiti" a sfondo sessuale per attaccare i propri rivali - faceva un uso ossessivo di insulti sessuali di chiarezza pornografica.

Nelle publicae latrinae. Di frasi oscene ce ne sono per tutti i gusti: un pene in erezione con scritta esplicativa ("Mi ha preso la fregola") in un campo legionario in Germania; oscenità assortite nelle latrine di Pompei ed Ercolano, tra pettegolezzi intimi ("Giocondo non sa scopare bene"), annunci sessuali bisex ("Schiava si offre per due assi", "Felix lo succhia per un asse"), messaggi velati ("Anche Apollonio, medico dell'imperatore Tito, è passato di qui") o del tutto espliciti ("Secundus caca qui").

ai posteri. Ciò che desta l'interesse degli studiosi, ovviamente, non è tanto il contenuto pruriginoso di queste iscrizioni, ma il lessico che è stato esaminato dai glottologi. Tracciati con mezzi di fortuna e senza la minima intenzione di passare ai posteri, quei graffiti arrivati fino a noi, documentano infatti l'uniformità della lingua popolare fin nei termini anatomici e sessuali. E dimostrano la formidabile unità culturale raggiunta dal popolo dell'Impero romano.

13 novembre 2022 Focus.it
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Scipione e Annibale, Mario e Silla, Demostene e Filippo II di Macedonia... I giganti della Storia che hanno passato la loro vita a combattersi, sui campi di battaglia e non solo. E ancora: l'omicidio di Ruggero Pascoli, il padre del famoso poeta, rimasto impunito; il giro del mondo di Magellano e di chi tornò per raccontarlo; la rivoluzione scientifica e sociale della pillola anticoncezionale; nelle prigioni italiane dell'Ottocento; come, e perché, l'Inghilterra iniziò a colonizzare l'Irlanda.

 

ABBONATI A 29,90€

Tigri, orsi, bisonti, leopardi delle nevi e non solo: il ricco ed esclusivo dossier di Focus, realizzato in collaborazione con il Wwf, racconta casi emblematici di animali da salvare. E ancora: come la plastica sta entrando anche nel nostro organismo; che cos’è l’entanglement quantistico; come sfruttare i giacimenti di rifiuti elettronici; i progetti più innovativi per poter catturare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera.

ABBONATI A 31,90€
Follow us