Storia

Antenati cannibali non solo per fame

Gli uomini preistorici non mangiavano i loro simili soltanto per ragioni nutrizionali: a livello calorico, non siamo particolarmente nutrienti rispetto ad altri animali.

Mentre in Europa si moltiplicano le tracce fossili di predecessori occasionalmente cannibali, ci si chiede quanto fosse diffusa l'usanza di cibarsi di altri uomini, e soprattutto se fosse legata al semplice bisogno di cibo. Sembrerebbe di no.

Valori nutrizionali. James Cole, esperto di evoluzione umana dell'Università di Brighton (Inghilterra), ha provato a calcolare l'apporto calorico di un uomo adulto, e lo ha comparato a quello degli animali più consumati nella preistoria. A conti fatti, non siamo poi così nutrienti: un uomo di 66 kg può fornire circa 144 mila Calorie, 32 mila delle quali provenienti dai muscoli, 50 mila circa dal tessuto adiposo, 25 mila da scheletro e midollo osseo (qui la tabella completa).

Più energetici. Ma il valore nutrizionale di un mammut è stimato in circa 3.600.000 Calorie, quello di un uro, di 979.200 Calorie e quello di un cervo rosso è di 163.680 Calorie (qui i valori per altri animali). Certo, i nostri antenati, così come i Neanderthal, erano più muscolosi di noi, ma in ogni caso accanirsi su un uomo solamente per ragioni nutrizionali non conveniva affatto.

Può essere che le Calorie tratte da pratiche cannibali fossero un vantaggio collaterale di comportamenti rituali o, ancora, che il cannibalismo fosse una pratica opportunistica eseguita su individui morti per cause naturali.

10 aprile 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us