9 record storici dell'Italia che (forse) non conosci

Università, enoteche, orti, biblioteche, banche, aziende e città: l'Italia e i suoi record storici.

lorto-botanico-di-padovait-florenz-officina-profumo-farmaceutica-di-santa-maria-novella1bibliotecashutterstock_474699952monte-dei-paschiferrara_al_brindisipontificia-fonderia-marinelli-productionmappa-messapicashutterstock_645210268Approfondimenti
lorto-botanico-di-padova

Il più antico orto botanico del mondo. I record storici dell'Italia non sono pochi: i più notevoli passano per luoghi ancora oggi in funzione, nonostante siano attivi da centinaia di anni. È il caso per esempio del’orto botanico di Padova, considerato il più antico del mondo, visto che risale al 1545.
Con oltre 6.000 tipi di piante, è famoso ancora oggi per la coltivazione di piante mediche, da cui si ricavano molti rimedi naturali. Qui vengono anche coltivate piante velenose, e persino piante pregiate, che lo hanno reso più volte vittima dei ladri.
Alcuni storici attribuiscono in realtà il primato all'orto botanico di Pisa, fondato l'anno precedente, ma in un’altra collocazione rispetto a quella attuale il che lo renderebbe secondo a detta dei puristi. Ma comunque vada... il primato resta in Italia.

it-florenz-officina-profumo-farmaceutica-di-santa-maria-novella1

La più antica farmacia d’Europa. Si trova a Firenze ed è l’Officina profumo-farmaceutica di Santa Maria Novella. Testimonianze risalenti al 1221 attestano come i frati domenicani in una parte del loro convento, allora alle porte di Firenze, dispensassero distillati di erbe curative. L'attuale profumeria aprì al pubblico nel 1612, il che ha fatto sì che altre città europee come Tallin (Estonia) e Dubrovnik (Croazia) reclamassero il primato. Ma le attività della “farmacia” fiorentina sarebbero ben precedenti e mai interrotte.

biblioteca

La biblioteca più antica del mondo. Nel 2017 la Biblioteca Capitolare di Verona, fondata nel 517 d.C., ha festeggiato 15 secoli di attività, il che ne fa la più antica biblioteca al mondo aperta al pubblico sin dalla sua fondazione. È vero che biblioteche come quella di Alessandria d’Egitto e di Pergamo sono più antiche, ma non sono rimaste aperte al pubblico per tanto tempo come quella di Verona. Qui studiarono il figlio di Carlo Magno, Pipino, e poi Dante Alighieri e Francesco Petrarca. La Biblioteca custodisce tra gli altri il celebre Indovinello Veronese – un rompicapo del VIII secolo, trascritto a margine di una pergamena – che molti studiosi riconoscono come il più antico testo che usa la lingua romanza e che rappresenterebbe dunque il primo documento in italiano volgare.

shutterstock_474699952

La più antica Università occidentale ancora in funzione. "Madre nutrice degli studi" secondo il suo motto latino, l'Università di Bologna fu fondata nel 1088 e, non essendo mai interrotto l'insegnamento, detiene il titolo di università più antica del mondo: tra i suoi alunni famosi tre papi, numerosi uomini d'affari e diversi politici italiani. Persino Oxford, che nella migliore delle ipotesi sarebbe stata fondata nel 1096, è costretta a cederle il primato. Alla sua presenza, Bologna deve il soprannome “la dotta”. La più antica istituzione educativa esistente nel mondo e tutt'ora in funzione, invece, è l'Università di Karueein, fondata nell'859 a Fez, in Marocco.

monte-dei-paschi

La prima banca al mondo, tutt'oggi esistente. È il Monte dei Paschi di Siena, fondato dal Consiglio Generale della Repubblica di Siena il 27 febbraio 1472. All'epoca Siena era una repubblica e la banca nacque per offrire prestiti a "persone povere o misere o bisognose".
Un altro "primato" della banca venne raggiunto nel 1624, quando il Granduca Ferdinando II de' Medici, per garantire i prestiti fondiari detenuti presso il MPS, gettò le basi dei sistemi di protezione dei depositi che ora vengono usati per dare fiducia ai risparmiatori nel sistema bancario mondiale. Il Granduca usò il ricavato dei pascoli che teneva in Maremma, nella Toscana sud-occidentale, per fornire le garanzie dei debiti accumulati dalla banca. Per secoli, la banca ha finanziato l’economia locale attraverso imprese, enti di beneficenza e naturalmente il celebre Palio di Siena.

ferrara_al_brindisi

La più antica enoteca del mondo. Secondo il Guinness Book of World Record si trova si trova a Ferrara e ha aperto le sue cantine nel 1435. Al tempo si chiamava “Hostaria del Chiuchiolino” (da "ciuc", ubriaco), ma oggi ha cambiato nome. Tra i suoi storici avventori, si ricordano Torquato Tasso, Tiziano, Niccolò Copernico e Ludovico Ariosto che citò il locale nelle pagine di “La Lena”.

pontificia-fonderia-marinelli-production

Le aziende familiari più antiche. La Fonderia Marinelli di Agnone, in Molise è la più antica impresa familiare d’Europa, e una delle più antiche aziende al mondo ancora in esercizio: fondata nell’anno mille, da generazioni continua a produrre campane in maniera artigianale, proprio come si faceva nell’antichità: nel museo della fonderia, dedicato a Giovanni Paolo II, è conservata una campana di due quintali di bronzo fuso risalente al 1339.
Nell’elenco stilato dalla rivista Family Business, appaiono anche altre aziende familiari italiane: la Barone Ricasoli (al quarto posto), storico produttore di vino e olio d'oliva nato a Siena nel 1141; la Barovier & Toso, di Murano (al quinto posto), fondata nel 1295; la gioielleria Torrini di Firenze (ottavo posto) e la Antinori, che produce vino dal 1385 (nono posto). Anche la decima in graduatoria è italiana: la Camuffo di Portogruaro (Venezia), impresa costruttrice di imbarcazioni nata nel 1438.

mappa-messapica

La mappa (forse) più antica del mondo occidentale. È stata scoperta a Soleto (Puglia) dall'archeologo belga Thierry van Compernolle dell'Università di Montpellier il 21 agosto 2003: è il frammento di un vaso di terracotta nera che risairebble, secondo le prime stime cronologiche, ad oltre 2500 anni fa e su cui sono stati incisi disegni e nomi di città italiane in lingua greca e messapica. La raffigurazione riguarda un tratto costiero della penisola salentina e reca 13 toponimi di cui 11 in messapico e due in greco: tra le altre, le città di Taranto (chiamata Taras), Soleto, Leuca, Ugento e Otranto. Alcuni storici però hanno espresso dei dubbi sulla sua datazione, perché le città sono indicate come punti, come nelle mappe moderne e non con le case tipiche delle mappe antiche.

shutterstock_645210268

Una delle più antiche città del mondo. Matera è conosciuta nel mondo per i suoi "sassi”: case-grotte scolpite nella roccia di una gola creata dal torrente Gravina, un affluente del fiume Bradano. Si ritiene che queste abitazioni rupestri siano tra i primi insediamenti umani in Italia, risalenti al Paleolitico (circa 9.000 anni fa). Da allora, fino agli anni '50, i sassi sono stati sempre abitati, il che fa di Matera una delle più antiche città nella quale si è vissuto più a lungo.

Il più antico orto botanico del mondo. I record storici dell'Italia non sono pochi: i più notevoli passano per luoghi ancora oggi in funzione, nonostante siano attivi da centinaia di anni. È il caso per esempio del’orto botanico di Padova, considerato il più antico del mondo, visto che risale al 1545.
Con oltre 6.000 tipi di piante, è famoso ancora oggi per la coltivazione di piante mediche, da cui si ricavano molti rimedi naturali. Qui vengono anche coltivate piante velenose, e persino piante pregiate, che lo hanno reso più volte vittima dei ladri.
Alcuni storici attribuiscono in realtà il primato all'orto botanico di Pisa, fondato l'anno precedente, ma in un’altra collocazione rispetto a quella attuale il che lo renderebbe secondo a detta dei puristi. Ma comunque vada... il primato resta in Italia.