Incontri ravvicinati del terzo tipo

Chi capitasse dalle parti di Bigge Island, nell’Australia occidentale, potrebbe imbattersi in strane creature come queste. Occhi grandi, naso adunco, un’aura misteriosa attorno alla testa e,...

npl_01187755_web
Le divinità creatrici degli aborigeni dipinte sulle pareti di una grotta di Bigge Island, Australia.
Chi capitasse dalle parti di Bigge Island, nell’Australia occidentale, potrebbe imbattersi in strane creature come queste.
Occhi grandi, naso adunco, un’aura misteriosa attorno alla testa e, soprattutto, niente bocca: è questo l’aspetto delle divinità primitive – i “Wandjina” – che un bel giorno, seguendo un “sogno” di creazione, plasmarono il mondo e tutti gli esseri viventi. Almeno così credevano gli aborigeni australiani che le dipinsero sulle pareti di alcune grotte della zona.
Non è ancora del tutto chiaro a quale periodo risalgano queste pitture, ma molti dei rilievi archeologici effettuati finora fanno pensare a un periodo compreso tra i 50 mila e i 40 mila anni fa.

Il rito del fumo degli aborigeni australiani

Da una grotta terrestre alle grotte sommerse: 10 immersioni da non perdere

[E. I.]
27 Agosto 2008 | Elisabetta Intini

Codice Sconto


12 cose

che (forse) non sai sulla


      birra