Storia

Quando gli Alleati bombardarono per errore una scuola a Milano: la strage di Gorla

20 ottobre 1944: Milano è sotto le bombe, per un errore fatale gli Alleati colpiscono una scuola. È la strage di Gorla: muoiono 184 bambini insieme ai loro insegnanti.

La mattina del 20 ottobre 1944 non era un giorno come tutti gli altri a Milano. Passerà alla storia come il giorno della strage di Gorla. La città era sotto il tiro delle bombe anglo-americane, impegnate a neutralizzare le forze nazifasciste nel Nord Italia, ma i bambini della scuola "Francesco Crispi", nel quartiere Gorla erano in classe. La missione degli Alleati era distruggere le strutture meccanico-siderurgiche al servizio dell'industria bellica, come la Breda, i cui stabilimenti erano a Sesto San Giovanni, periferia nord della città.

Errore fatale. Quella mattina 18 bombardieri americani, ciascuno con a bordo 10 bombe da 220 kg, per un errore nel calcolo della rotta (forse per una errata interpretazione delle coordinate in codice nel piano di volo), si trovarono a sorvolare il quartiere di Gorla, anziché gli stabilimenti della Breda. Capito lo sbaglio, il comandante della missione James B. Knapp decise di far rientrare gli aerei alla base.

Ma rimaneva il problema del carico: le bombe già innescate non potevano infatti essere riportate indietro, per non mettere a repentaglio l'incolumità degli equipaggi. Contrariamente a quanto previsto in casi simili, dunque, Knapp non fece sganciare le bombe nelle campagne o in mare durante il volo di ritorno, ma ordinò di disfarsene subito.

10 ottobre 1944 - Scuola Crispi
Soccorsi alla scuola elementare “Francesco Crispi” dopo il bombardamento degli Alleati. © Wikimedia commons

Una corsa vana. Alle 11:29 l'abitato di Gorla fu colpito e oltre 37 tonnellate di esplosivo distrussero case, negozi... Una delle bombe colpì la scuola "Francesco Crispi" procurando la morte di 184 bambini e di 25 tra insegnanti, direttrice e personale scolastico, tutti colti nel tentativo di raggiungere il rifugio antiaereo.

Morirono anche alcuni genitori accorsi a scuola, al suono delle sirene d'allarme, per tentare di salvare i loro figli.

La collina di macerie. Milano quel giorno fu pesantemente colpita dalle bombe e subì danni gravissimi: persino la Galleria Vittorio Emanuele, simbolo della città, venne distrutta completamente. Tanto che il Monte Stella, la collinetta che oggi si trova nel quartiere QT8, fu "costruito" proprio con le macerie dei bombardamenti.

20 ottobre 2022 Paola Panigas
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us