Focus

La voce della Storia Vai allo speciale

10 giugno 1940: l'Italia era pronta per entrare in guerra?

Il 10 giugno 1940 Mussolini annunciò all'Italia l'ingresso nella Seconda guerra mondiale: ecco le forze di cui disponevano l'esercito, l'aviazione e la marina.

10 giugno 1940: l'Italia dichiara guerra alla Francia e all'Inghilterra
10 giugno 1940: l'Italia dichiara guerra alla Francia e all'Inghilterra. | Wikipedia

Il 10 giugno del 1940 Benito Mussolini faceva il famoso discorso dal balcone di Piazza Venezia, a Roma, per annunciare l'entrata in guerra dell'Italia, che così irrompeva imprudentemente nella Seconda guerra mondiale. Credere, obbedire, combattere (l'articolo 4 dello Statuto fascista) era il motto del regime a vocazione imperialista, ma... il Paese era impreparato, e i capi di Stato Maggiore delle Armi ne erano consapevoli: secondo un rapporto che circolava, il tasso di preparazione bellica dell'Italia non superava il 40%. Ecco com'era messa la macchina bellica del nostro Paese in quel periodo, e questo risponde alla domanda.

 

Focus Storia 164
Dall'articolo La guerra di Benito, di Claudia Giammateo, su Focus Storia 164 (giugno 2020), in edicola e in digitale. | Focus

L'esercito. Delle 73 divisioni schierate dal Regio Esercito (53 in patria, 14 nel nord Africa, 5 in Albania, 1 nell'Egeo) solo 19 erano complete, 34 incomplete, 20 poco efficienti. Gli automezzi erano 38.000 (contro i 600.000 tedeschi, i 350.000 britannici e i 300.000 francesi).

 

L'aviazione. La Regia Aeronautica schierava 5.240 velivoli, di cui 3.296 bellici e 1.796 operativi ma lenti e antiquati (783 bombardieri, 594 caccia e 419 aerei da ricognizione), con carenza di carburante e munizioni: in Africa settentrionale solo 5 mesi di scorte; nell'Africa Orientale Italiana un mese e mezzo di carburante e 5 di munizioni; nell'Egeo 2 mesi di carburante e 4 di munizioni.

 

La flotta. La Regia Marina era il fiore all'occhiello delle forze armate, ma non disponeva di radar né di portaerei. Vantava 4 corazzate (di cui 2 in costruzione), 19 incrociatori, 53 cacciatorpediniere e 115 sommergibili (di cui 12 in costruzione). Ma dopo il bombardamento sul portodi Taranto e la disfatta della Battaglia di Capo Matapàn, in Grecia, nel marzo del 1941, la flotta italiana sparì di fatto dai mari.

 

Dei motivi della discesa dell'Italia in guerra e di cosa sarebbe accaduto se non avessimo fatto quel passo, parliamo nella puntata della "Voce di Focus Storia" con lo storico contemporaneista Mauro Canali, intervistato dalla giornalista Claudia Giammatteo:

 

Ascolta "10 giugno 1940: Mussolini manda l'Italia in guerra" su Spreaker.
10 giugno 2020