10 cose che (forse) non sai sui gladiatori

È vero che preferivano una dieta vegetariana? Le donne potevano combattere nell'arena? La politica li sfruttava? E, soprattutto, davvero il pollice verso equivaleva a una condanna a morte?

Identikit. Alti? Bassi? Giovani? Vecchi? I gladiatori avevano in media tra i 20 e i 35 anni (in maggioranza, però, 30), in linea con le aspettative di vita del tempo. E anche l’altezza era in linea con l’epoca: 168 cm.

A cosa servivano i gladiatori? Secondo le moderne interpretazioni degli studiosi di storia romana, soprattutto a ingraziarsi il popolo e distogliere l’attenzione dei cittadini dalla vita politica. Erano anche un efficace strumento di propaganda e il primo a capirlo fu Giovenale, che sintetizzò questa strategia politica con l’espressione “panem et circenses”.

Propaganda politica. «I giochi dei gladiatori diventarono lo strumento attraverso il quale i magistrati, e in seguito ancora di più l’imperatore, si facevano pubblicità», ha spiegato la studiosa Luciana Jacobelli a Focus Storia. «Divennero talmente importanti che fu stabilito per legge che un magistrato, una volta eletto, avesse l’obbligo di allestire un gioco gladiatorio o di costruire un edificio pubblico. Quasi tutti sceglievano i giochi: garantivano il maggior consenso popolare.»

Infami. La maggior parte dei gladiatori erano schiavi o ex schiavi, ma anche individui nati liberi che combattevano sotto contratto con un "manager". Erano spesso considerati alla stregua delle prostitute, degli attori e dei protettori, e generalmente dei reietti. Non di rado li accompagnava la definizione di "infames" (persone di cattiva reputazione).

Sex symbol. La cattiva fama però giovava ai gladiatori, veri e propri sex symbol del loro tempo. Amati anche dalle donne della nobiltà, che per l’amore di un gladiatore erano disposte a tutto. Come Eppia, moglie di un senatore, che abbandonò il marito per fuggire con un eroe dell'arena.

Donne senza gonne. I gladiatori non erano solo uomini. Ci sono prove che suggeriscono l’esistenza di gladiatori di sesso femminile. Ma, a differenza degli uomini, la maggior parte delle gladiatrici non era formata da schiave, straniere o cittadine povere costrette a imbracciare le armi per soldi o per costrizione. Ma per passione. «Alcune donne sviluppavano una tale passione per i combattimenti da decidere volontariamente di scendere nell’arena», spiega Fik Meijer, docente di Storia antica all’Università di Amsterdam (Olanda).

Pubblico sanguigno. Prima che i gladiatori si esibissero, nell’arena erano già passate le belve feroci e a volte il pubblico aveva anche assistito a condanne a morte. Questo faceva sì che la voglia di sangue non fosse così forte come abbiamo imparato a credere. «L’immagine che esce dagli studi storici, specie in centri minori come Pompei, è diversa: la gente non era assetata di sangue né amava lo spettacolo della morte in sé», spiega Jacobelli a Focus Storia. «Generalmente quello che il popolo voleva vedere erano buoni combattimenti, con gladiatori abili, coraggiosi e rispettosi delle regole, che erano rigide e ben codificate.»

Pubblico pagante. Il ruolo degli spettatori nelle gare fu sempre fondamentale: il pubblico si schierava per questo o quel gladiatore e chi decideva la sorte dello sconfitto doveva tenerne conto. Dare ascolto al popolo era una questione di prestigio politico, ma anche un segno del proprio potere e una misura del consenso guadagnato.

Pollice verso, anzi no. Il pollice verso, segno di condanna da parte del pubblico potrebbe non essere mai esistito. Molti studiosi ritengono che la grazia venisse espressa con il pollice chiuso nel pugno, a mimare il gesto della spada che viene rinfoderata, e la condanna con il pollice all’insù. L’idea che fosse rivolto all’ingiù si diffuse nell’Ottocento, nei dipinti che rievocavano i duelli nel Colosseo. Ma soprattutto i combattimenti finivano spesso con una richiesta di resa.

Vegetariani? Analizzando reperti ossei di alcuni gladiatori di Efeso, in Turchia, gli scienziati hanno rilevato alte percentuali di stronzio (elemento presente nelle proteine vegetali fornite da legumi, nel latte e nei cereali) e basse di zinco (presente nelle proteine animali). «La percentuale di stronzio è doppia rispetto a quella contenuta nelle ossa delle persone che vivevano allora nei pressi di Efeso», sottolinea il medico austriaco Karl Großschmidt, che ha effettuato studi sui resti di alcuni eroi dell'arena. Ciò significa che i gladiatori erano pressoché vegetariani: mangiavano meglio dei poveri, ma non erano carnivori come ci si aspetterebbe da uno sportivo. «I Romani, in qualche modo, avevano capito che certi alimenti sono essenziali per le ossa, le rinforzano e le fanno guarire più rapidamente», commenta lo studioso. Non a caso i gladiatori erano soprannominati hordearii, cioè “mangiatori d’orzo”.

Identikit. Alti? Bassi? Giovani? Vecchi? I gladiatori avevano in media tra i 20 e i 35 anni (in maggioranza, però, 30), in linea con le aspettative di vita del tempo. E anche l’altezza era in linea con l’epoca: 168 cm.