Le 10 cose che fecero grande l’impero romano

Nato con Augusto 2 mila anni fa, dominò l’Occidente per quattro secoli. Grazie a questi punti di forza.

aa1179338_high_res_preview.1500x1000h_6.00780544h_12.0028280569campamentoromano01enhanced_previewstiliconescreen_obj_img309-1h_6.023620691280px-roma_museo_ara_pacis_-_calco_di_roma_con_vittoria_-_foto_giovanni_dallorto_30-mar-20087041023_268ddfca24_olibro-imperoApprofondimenti
aa1179338_high_res_preview.1500x1000

I - L'esercito L’eccezionale efficienza dell’esercito era garantita dall’organizzazione in legioni (25 nel I secolo d. C., ognuna di oltre 5 mila effettivi), suddivise in coorti e centurie. Un rigoroso addestramento assicurava grande capacità di manovra alle formazioni, appoggiate sul campo di battaglia da macchine da guerra (catapulte, onagri, baliste e scorpioni).
Leggi anche: 10 cose che (forse) non sai sulle legioni di Roma

h_6.00780544

II - Strade e acquedotti Le strade consolari collegarono nel tempo gran parte degli oltre 5 milioni di km quadrati dell’impero. Sulla rete viaria (100 mila km nel II secolo), in gran parte lastricata, viaggiavano le merci, ma soprattutto si spostavano velocemente le legioni. La costruzione di acquedotti (solo a Roma ce n’erano 11) assicurò invece l’autonomia idrica alle città dell’impero.

h_12.00282805

III - Trasporti Due servizi pubblici garantivano rapide comunicazioni e distinguevano l’Impero romano da altri regni. Uno era il cursus publicus, un servizio di corrieri imperiali a cavallo che coprivano fino a 120 km al giorno. L’altro il cursus velox, servizio per viaggiatori (70 km al giorno).
Nella foto, un particolare della Tabula Peutingeriana, una mappa del IV-V secolo che mostra le strade romane.

69

IV - Province L’impero era diviso in province (circa 40 sotto Augusto) rette da un governatore. I popoli sottomessi venivano integrati nell’impero come foederati: un trattato di “sovvenzione” garantiva loro il diritto di coltivare la terra in cambio della fornitura di guerrieri alle legioni romane.

campamentoromano01enhanced_preview

V - Città Le legioni stanziate nelle province, come tutte le unità dell’esercito romano, risiedevano in accampamenti, i castra. Simile a una cittadella fortificata, il castrum aveva una pianta quadrata, con strade perpendicolari fra loro. Alcuni accampamenti nel tempo si sono evoluti fino a diventare città: è questa l’origine di centri come Torino, Vienna e Londra.

stilicone

VI - Barbari L’esercito non fu costituito su base etnica: anche i volontari nati fuori dall’impero potevano infatti arruolarsi. Ciò trasformò l’esercito in un melting pot che permetteva di sfruttare le abilità di tutti. Tanto che anche i guerrieri barbari potevano, se lo meritavano, ricoprire incarichi di responsabilità: molti di loro diventarono importanti generali.
Nella foto, dittico consolare di Stilicone (359-408), che ritrae intagliati in avorio il magister militum, figlio di un soldato vandalo e di una romana, con la moglie Serena e il figlio Eucherio. Stilicone, tutore dell'imperatore Onorio, gestì una delle più gravi invasioni barbariche subite dall'impero.
Leggi anche: La questione migranti che portò Roma al collasso

screen_obj_img309-1

VII - Annona Chi viveva a Roma aveva la sussistenza assicurata grazie all’annona (dal nome della dea italica dell’abbondanza): un approvvigionamento di grano che garantiva ai cittadini indigenti la sopravvivenza. L’annona fu introdotta da Caio Gracco nel 123 a. C. e fu alla base del consenso popolare nei primi passi dell’impero. Un altro “incentivo” alla fedeltà a Roma furono invece i terreni concessi a chi intraprendeva la carriera militare.

h_6.02362069

VIII - Adozione La pratica dell’adozione fu usata con fini politici per stringere alleanze. Il sistema acquisì estrema importanza soprattutto durante il periodo imperiale. L’adozione permetteva infatti a un imperatore di scegliere il proprio successore al di fuori della cerchia dei parenti. Si poteva così designare per la successione la persona più adatta a ricoprire quel ruolo (oppure soltanto prediletta) associandola al trono imperiale. Il primo imperatore scelto con questo sistema fu Traiano, adottato nel 98 d. C. dall’imperatore Nerva. E fu proprio Traiano a portare l’Impero romano alla sua massima estensione.

1280px-roma_museo_ara_pacis_-_calco_di_roma_con_vittoria_-_foto_giovanni_dallorto_30-mar-2008

IX - Religione I Romani non scatenarono mai guerre di religione: lo prova l’antica cerimonia dell’evocatio con cui accoglievano a Roma le divinità delle città contro cui stavano combattendo. Più le divinità erano giudicate influenti, più venivano onorate con grandi templi: lo scopo era sottrarre ai nemici la protezione dei loro dèi, che venivano invitati a “trasferirsi” a Roma, dove avrebbero ricevuto più alti onori. Furono così introdotti anche culti orientali, come quello di Iside (egiziano) e di Mitra (persiano). Lo stesso accadde con la cultura e l’arte greca, assimilate dall’élite romana dopo aver sottomesso Atene.
Calco di rilievo romano con la dea Roma che regge in mano una Vittoria.

7041023_268ddfca24_o

X - Cittadini Il cittadino (maschio) romano godeva di una serie di privilegi: accesso alle cariche pubbliche, partecipazione alle assemblee politiche, vantaggi sul piano fiscale. La cittadinanza non era però un’esclusiva di chi era di famiglia romana: nel 212 d. C. l’imperatore Caracalla la estese a tutte le popolazioni che vivevano nei confini dell’impero. Una strategia già adottata nel 90 a. C., quando la cittadinanza romana fu estesa ai popoli italici.
Nella foto, un graffito moderno di "Civis Romanus sum" (sono cittadino romano), locuzione latina che indicava l'appartenenza all'Impero Romano e sottintende, in senso lato, tutti i diritti (e i doveri) connessi a tale stato (vedi Cicerone, In Verrem 11, V, 162).

libro-impero

AXI - Per saperne di più Queste 10 curiosità sono tratte da un volume di Andrea Frediani, storico collaboratore di Focus Storia, una delle colonne di Focus Storia Wars e soprattutto storico e divulgatore. Il volume si chiama 101 segreti che hanno fatto grande l'impero romano (Newton Compton). Tre le sue pagine troverete altri 91 segreti, falsi miti, curiosità sull’antica Roma.

I - L'esercito L’eccezionale efficienza dell’esercito era garantita dall’organizzazione in legioni (25 nel I secolo d. C., ognuna di oltre 5 mila effettivi), suddivise in coorti e centurie. Un rigoroso addestramento assicurava grande capacità di manovra alle formazioni, appoggiate sul campo di battaglia da macchine da guerra (catapulte, onagri, baliste e scorpioni).
Leggi anche: 10 cose che (forse) non sai sulle legioni di Roma