Terrapiattisti: dove la scienza non arriva

Siamo stati al convegno dei terrapiattisti italiani a Milano: un festival delle idee strampalate, dagli aerei che vanno ad aria compressa a Lucifero e fino al Sole, che sarebbe a 5.000 km da noi.

Flat Earth: Focus si imbuca al convegno dei terrapiattisti italiani
Flat Earth: mentre si consuma in gran festa l'ultima giornata del Focus Live al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano, un "agente segreto" di Focus si imbuca al convegno dei terrapiattisti italiani (e viene subito scoperto). | Amanda Carden / Shutterstock

Il 24 novembre, mentre si svolgeva l'ultima giornata di Focus Live al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano, si teneva anche, in un hotel della periferia milanese, un convegno dei terrapiattisti italiani. Un'occasione per vedere dal vivo questi personaggi che rifiutano in toto ciò che arriva dalla scienza tradizionale, dalle istituzioni, dai ricercatori. Che negano non solo la forma del nostro pianeta, ma le missioni spaziali, l'evoluzione delle specie, la gravità, i movimenti della Terra e anche la Storia com'è scritta sui libri. E che invece sostengono che gli astronauti sono attori, che sul nostro pianeta sia vissuta una stirpe di giganti, che esista una cospirazione di "poteri forti" per nascondere alla gente non solo quanto la Terra sia piatta, ma anche per produrre un'informazione manipolata su tutto.

 

Flat Earth: Agostino Favari, uno dei leader dei terrapiattisti italiani
Flat Earth: Agostino Favari, uno dei leader dei terrapiattisti italiani. | Focus

Attenzione alle ipotesi! Dopo aver pagato la quota di iscrizione di 25 euro (contro i 10 euro per il Focus Live, comprensivo dell'intero museo), accediamo alla sala del convegno: non so se i terrapiattisti se ne siano accorti, ma la sala porta il nome di "JFK", l'uomo che ha reso possibile lo sbarco sulla Luna. Fossi in loro, non potrei fare a meno di notare che probabilmente non è un caso, anzi: forse è addirittura un complotto.

 

I protagonisti della giornata sono i soliti nomi del terrapiattismo italiano, in particolare Agostino Favari, Albino Galuppini e Calogero Greco. Il primo, ingegnere, rappresenta il terrapiattismo "scientifico": mostra al pubblico due slide che sono le foto di fogli scritti disordinatamente a mano, come un compito in classe di uno studente mediocre, in cui ci sono disegni di triangoli e formule di trigonometria. Lo scopo è dimostrare che il Sole si trova a circa 5.000 km dalla Terra, anziché a 150 milioni di km, come è nella realtà. Le formulette di Favari, che sono alla portata di uno studente di quarta liceo ma risultano incomprensibili a buona parte del pubblico, sono anche svolte correttamente. Il problema (ma solo per i terratondisti) è che funzionano solo se l'ipotesi di partenza è che la Terra sia, appunto, piatta.

Adoratori di Lucifero. Galuppini, una laurea in scienze naturali, è invece il terrapiattista onirico, per il quale il complotto per nascondere la verità è ordito da scienziati, banchieri, politici eccetera, tutti adoratori di Lucifero. Perché «negando la Bibbia e tutto il resto portano la gente verso l'abisso», verso Lucifero, sottolinea. Nel suo intervento passa rapidamente in rassegna molte delle prove che sono i cavalli di battaglia dei terrapiattisti: i GPS non funzionano con i satelliti ma grazie ad antenne nascoste nei grattacieli, gli oggetti lontani come alcune isole nel mare si vedono anche se dovrebbero essere nascosti dalla curvatura terrestre, dagli aerei non si vede la curvatura della Terra, dove la curvatura si vede è perché la lente usata deforma l'immagine... Al tentativo di replica di uno spettatore che fa notare come sulle action cam l'obiettivo non crei curvatura se inquadra a grande distanza, la replica è: «Questa è la sua opinione. Andiamo avanti». Il poveretto cerca di spiegare che non è un'opinione, è come funziona la lente, ma viene zittito.

Aerei ad aria compressa. Calogero Greco invece è il prototipo del terrapiattista che non sente ragioni. Nella sua introduzione, senza un particolare filo conduttore, si esibisce sull'orbita a forma a uovo di gallina che il Sole percorrerebbe sopra la Terra piatta (senza caderci in testa, anche se non orbita attorno a nulla) ma anche sul fatto che i moderni aerei non usano carburante ma vanno ad aria compressa... Sarebbe una scoperta epocale! Non potremmo applicarla anche agli altri mezzi di trasporto?

 

Una delle perle delle elucubrazioni di Greco riguarda la direzione della Mecca: «Quando i musulmani rivolgono le preghiere verso la Mecca, se sono a ovest dovrebbero guardare verso est, giusto? Ma abbiamo informazioni, li conosco pure io, abitano a Chicago... quando pregano guardano verso nord, che è impossibile su una Terra a palla. Perché hanno la bussola tarata apposta per guardare sempre la Mecca. Come ve lo spiegate?». Non ce lo spieghiamo. In compenso, Greco mi ha avvicinato in una pausa con aria severa: «Tu sei un troll, un provocatore pagato. Io li riconosco subito!».

Com'è possibile...? Al convegno erano presenti 40-50 persone: togliendo relatori, giornalisti e curiosi, i terrapiattisti convinti tra il pubblico erano forse una ventina. Non molti, considerando che siamo in una grande città. In generale, l'impressione che ne abbiamo avuto è stata quella di una imbarazzante scarsità di preparazione in qualsiasi campo: d'altra parte, come potrebbe non essere così dal momento che i terrapiattisti rifiutano qualunque confronto e approfondimento scientifico, perché tutto è un complotto ai loro danni e contro l'intera umanità.

 

Tutte le domande tecniche poste dai relatori hanno una semplice risposta che si può trovare in Rete. Un esempio tra tanti: «Come è possibile che si riescano a ricevere informazioni dalle sonde Voyager, che sarebbero lontane miliardi di chilometri? Che razza di generatore dovrebbero avere a bordo per trasmettere da così lontano?». Inutile spiegare che in questo caso non è alla potenza di trasmissione che bisogna guardare, ma al sistema di ricezione delle comunicazioni, che utilizza le antenne più grandi e sofisticate esistenti sulla Terra, quelle del Deep Space Network, per riuscire nel compito, indubbiamente difficile, di comunicare con le sonde. Ma il buon senso qui non è di casa, i terrapiattisti sembrano vivere in un mondo proprio, impermeabile a qualsiasi cosa che provenga dall'esterno.

Fenomeni social. Sulla forma della Terra si potrebbe anche sorridere, anche se in alcuni frangenti l'atmosfera all'incontro si è fatta tesa: in fondo ognuno è libero di credere a ciò che vuole (ci sentiamo di dire, benché a fatica). Il problema è che questo è solo uno degli aspetti più surreali della falsa scienza che trova terreno fertile sul web e sui social, e che nega anche temi molto più seri, come l'utilità dei vaccini o il riscaldamento globale. Un fenomeno vasto, che forse ha alla base anche una sfiducia generalizzata nei confronti delle istituzioni ufficiali e costituite, scientifiche e politiche, e di tutto ciò che da esse proviene.

 

Dovremmo farci allora delle domande, ma non sulla forma della Terra. Come ha detto Neil deGrasse Tyson, astrofisico e direttore del Planetario di New York, riferendosi agli Stati Uniti: «A mio parere, il fatto che i terrapiattisti siano in aumento è segno di due cose. La prima è che viviamo in un Paese che protegge la libertà di parola. Ma la seconda è che viviamo in un Paese con un sistema educativo inefficace».

27 novembre 2019 | Focus.it