10 segreti dell'arte svelati dalla scienza

L'artrite di Michelangelo, i selfie di Rembrandt, le figure nascoste di Goya e Picasso, la malattia dei Caravaggio, le previsioni di Van Gogh: capolavori rivisitati con gli strumenti della scienza.

goyapotd-picasso_bluebacconottestellatacsontvry_kosztka_tivadar_-_old_fisherman_1902doppio-ritrattoprimaverabotticellirembrandtjacopino-del-conte-ritratto-di-michelangeloamorinodormienteleonardo_da_vinci_-_presumed_self-portrait_-_wga12798Approfondimenti
goya

La (segreta) passione politica di Goya Nel 1823, l'artista spagnolo Francisco Goya dipinse il ritratto di Don Ramon Satue, un giudice della Corte suprema spagnola. Sotto il ritratto, però, ci sarebbe una pagina di gran lunga più importante e anche infamante della storia spagnola. Si tratta del ritratto di un generale francese, realizzato tra il 1809 e il 1813, quando Napoleone nominò re di Spagna il fratello. Goya cancellò il ritratto "per motivi politici" visto che nel frattempo i francesi si erano ritirati dalla Spagna ed era pericoloso essere associati al vecchio regime. Così il suo segreto è stato nascosto per ben due secoli.

potd-picasso_blue

L’uomo nella stanza blu Picasso dipinse La stanza blu" nel 1901, durante il suo periodo blu. Il dipinto ha sempre affascinato gli storici più che altro per le strane pennellate utilizzate. E infatti esaminando il quadro con la tecnologia a infrarossi, è apparso un uomo misterioso che indossa una cravatta a farfalla. Al tempo Picasso era povero in canna e spesso riutilizzava tele già dipinte in parte o completamente. E non è stato l'unico artista a fare questo. La storia dell'arte è piena di tele ridipinte (per motivi economici, stilistici o misteriosi). Oggi riusciamo a scoprirlo grazie alle scansioni ai raggi X o agli infrarossi. L'ultimo caso è quello di un quadro di Degas

bacco

L’autoritratto nascosto di Caravaggio Nel 2009, una riflettografia multispettrale eseguita sulla tela del «Bacco» di Caravaggio che si trova nella Galleria degli Uffizi a Firenze, ha portato alla scoperta di una figura umana riflessa sulla brocca di vetro in basso a sinistra. Sarebbe l'autoritratto del Merisi. Lo afferma, tra gli altri, Mina Gregori, una delle massime esperte dell'artista e presidente della Fondazione Longhi: nella sagoma si vedrebbe l'autoritratto di Caravaggio mentre dipinge. Già il biografo Giovanni Buglione, nel 1642, aveva scritto dell'abitudine di Caravaggio di dipingere utilizzando specchi in cui si rifletteva.

nottestellata

La scienza di Van Gogh In un famoso TED (vedi sotto), la studiosa Natalya St. Clair ha spiegato come Van Gogh, rinchiuso in manicomio, sia riuscito a «percepire e rappresentare uno dei concetti più difficili in assoluto che la natura abbia mai offerto all’uomo», il concetto di flusso turbolento nella dinamica dei fluidi. Un concetto estremamente arduo da spiegare, che il fisico russo Andrey Kolmogorov è riuscito a codificare solo nel 1940 in un'equazione, ma che Van Gogh nel 1889 rappresentò perfettamente su tela in “Notte stellata”.

csontvry_kosztka_tivadar_-_old_fisherman_1902

Il segreto del pescatore Tivadar Csontváry Kosztka (1853-1919) è stato uno dei primi pittori ungheresi a essere conosciuto e apprezzato (per esempio da Picasso) in ambito Europeo. In questo ritratto di un vecchio pescatore è nascosto un segreto, svelato solo dopo la morte del pittore. Mettendo uno specchio in mezzo al dipinto e riflettendo soltanto una metà del volto, il personaggio si trasforma in due ritratti: una persona che prega e il diavolo. Non ci credete? Guardate la foto seguente

doppio-ritratto

Il doppio ritratto nascosto nel dipinto di Kosztka.

primaverabotticelli

La passione botanica di Botticelli Uno dei più grandi capolavori dell'arte occidentale, la Primavera di Sandro Botticelli, ha un segreto particolarmente evidente: l'attenzione maniacale di Botticelli per i particolari, soprattutto quelli floreali. I botanici hanno infatti identificato nel dipinto oltre 500 specie diverse di piante e 190 specie di fiori.
Per ingrandire e navigare nel dipinto clicca qui (via Google).

rembrandt

I selfie di Rembrandt Rembrandt è famoso per i suoi autoritratti. Ne ha dipinto centinaia, tutti molto precisi e realistici. Come c'è riuscito? Secondo il pittore inglese Francis O’Neill, il segreto di Rembrandt era un sofisticato sistema di specchi che permetteva di proiettare la sua immagine su una superficie su cui potevano essere tracciati dei contorni. O’Neill ha esposto la suggestiva teoria su The Journal of Optics, spiegando che nell’Olanda del XVII secolo erano disponibili i migliori specchi sul mercato. E che gli occhi del pittore, basta farci caso, non guardano quasi mai dritto, come invece sarebbe stato se Rembrandt avesse disegnato osservandosi soltanto in uno specchio. La teoria di O’Neill va contro la maggioranza degli storici dell’arte, secondo cui Rembrandt disegnava solo a mano libera.

jacopino-del-conte-ritratto-di-michelangelo

Arte e artrite di Michelangelo La Royal Society of Medicine di Londra ha svolto un’attenta analisi sugli autoritratti del grande artista, ravvisando i segni dell’artrite nelle sue mani. Una malattia professionale, dovuta assai probabilmente all’uso prolungato del martello e dello scalpello.
Altri "segreti" di Michelangelo sono stati svelati da due studiosi, M. Arshad e M. Fitzgerald, che hanno ipotizzato che l'artista toscano soffrisse di una forma particolare di autismo, dimostrata da alcuni comportamenti come “lavoro di routine a senso unico, stile di vita insolito, interessi limitati e scarse attitudini sociali e di comunicazione”.

amorinodormiente

Arte e artrite in Caravaggio Anche Caravaggio ebbe modo di confrontarsi con l’artrite nei suoi quadri: secondo uno studio pubblicato sul Lancet, basta osservare “L’Amorino Dormiente". Ritrae un "cupido" che giace addormentato, impugnando ancora una freccia. Il fanciullo mostrerebbe i segni dell’artrite giovanile.
Molti studiosi hanno visto i segni di diverse malattie sui diversi modelli utilizzati da Caravaggio.

leonardo_da_vinci_-_presumed_self-portrait_-_wga12798

Il DNA di Leonardo Ricostruiamo parte del DNA dei mammut e di quello dei Neanderthal. Perché allora non provare a recuperare anche quello di uno dei più grandi geni mai vissuti, ovvero Leonardo da Vinci? È lo scopo di un progetto internazionale che ha l'obiettivo di ricavare tracce biologiche della sua presenza dal suo lavoro: le moderne scienze forensi hanno fatto passi da gigante negli ultimi anni, e si può oggi risalire al DNA di una persona a partire da gocce di sangue, capelli, saliva. Persino dalle impronte digitali.
L'obiettivo, ovviamente, non è clonare Leonardo (impossibile), ma confrontando il suo DNA con con quello dei suoi discendenti, potremmo risalire al colore dei suoi occhi e capelli, capire qualcosa in più sulla sua capacità visiva, su quello che mangiava e su eventuali disturbi di salute.


Leggi anche:15 cose che (forse) non sai su Leonardo da Vinci

La (segreta) passione politica di Goya Nel 1823, l'artista spagnolo Francisco Goya dipinse il ritratto di Don Ramon Satue, un giudice della Corte suprema spagnola. Sotto il ritratto, però, ci sarebbe una pagina di gran lunga più importante e anche infamante della storia spagnola. Si tratta del ritratto di un generale francese, realizzato tra il 1809 e il 1813, quando Napoleone nominò re di Spagna il fratello. Goya cancellò il ritratto "per motivi politici" visto che nel frattempo i francesi si erano ritirati dalla Spagna ed era pericoloso essere associati al vecchio regime. Così il suo segreto è stato nascosto per ben due secoli.