Mistero

Risolto il mistero della fortezza di Naryn-Kala

La fantasiose ipotesi sulla natura della struttura sepolta sotto a Naryn-Kala sono state spazzate via dall'esplorazione con i muoni: non è un'antica fortezza degli alieni...

Sotto alla fortezza di Naryn-Kala, a Derbent (Russia meridionale, sulle rive del Mar Caspio), c'è una struttura artificiale il cui scopo e la cui forma sono rimasti finora sconosciuti. Attorno a quella presenza sono nate nel tempo le più disparate ipotesi e leggende: tra le tante, c'era chi sosteneva che fosse un enorme serbatoio per l’acqua, un tempio zoroastriano, una chiesa, addirittura una struttura aliena.

Ora, grazie a tecniche di radiografia muonica (per un esempio vedi: La muografia di Stromboli, in Stromboli 2019), si è riusciti a capire di che cosa effettivamente si tratti: è davvero una chiesa. I risultati del lavoro sono stati pubblicati su Applied Sciences.

Archeologia: misteri svelati con la radiografia muonica
La ricostruzione della struttura sepolta sotto alla fortezza, elaborata dai dati ottenuti dai rilevatori di muoni. © Askerkhan Abiev et Al

I muoni sono particelle che si formano nell’alta atmosfera dall’interazione delle radiazioni cosmiche con l’atmosfera stessa e che sono in grado di attraversare l’intero pianeta. Strumenti in grado di rilevarne la presenza permettono di capire se essi abbiano attraversato un’area vuota oppure rocciosa o con materiale fluido: sono cioè in grado di realizzare qualcosa di molto simile a una radiografia. Grazie ai muoni è stato possibile "vedere" all'interno di aree inaccessibili della Piramide di Cheope; si è anche studiato ciò che vi è all’interno del Vesuvio, individuando e localizzando la camera magmatica più superficiale.

La chiesa sotto alla fortezza. A Derbent i rilevatori di muoni utilizzati dagli archeologi hanno permesso di ricostruire le forme della struttura sotterranea: «La struttura ha una precisa forma a croce ed è orientata secondo i punti cardinali del pianeta», afferma Natalia Polukhina, dell'Accademia delle Scienze russa, «con un braccio, forse quello principale, di due metri e mezzo più lungo degli altri».

Archeologia: civiltà scomparse
Archeologia: 13 civiltà misteriosamente scomparse. © Shutterstock

Non è possibile scavare sotto la fortezza, perché Naryn-Kala è Patrimonio dell’Umanità, e il mistero di cosa fosse quella struttura si perde nella notte dei tempi. Ma ora i muoni hanno dato una forma all’edificio.

L'immagine restituita dalla radiografia muonica descrive un edificio alto 11 metri, con un braccio disposto da nord a sud lungo 15 metri e l'altro da est ad ovest per 13,4 metri. La parte centrale dell’edificio appare coperta da una cupola che in piccola parte emerge dal terreno, ed è ciò che a lungo aveva fatto pensare a un serbatoio per l’acqua, anche perché nella fortezza c’è una struttura sotterranea esplorata, profonda 10 metri, identificata come serbatoio d’acqua piovana.

Perché una chiesa sotto alla fortezza? In realtà è possibile che l'edificio sia stato costruito in superficie, e poi forse volutamente sepolto durante l’Impero persiano di Sasan (un guerriero antenato della Dinastia Sasanide e alto sacerdote zoroastriano), il quale dopo aver preso il controllo di Derbent intorno al 700 d.C.

fece scomparire tutti i simboli cristiani. La città è sempre stata molto importante dal punto di vista strategico, in virtù della sua posizione rispetto alle rotte tra l’Europa e il Medio Oriente.

Le analisi muoniche hanno messo in luce che nell’ala occidentale dell’edificio potrebbero esserci delle strutture architettoniche che si sono preservate: ulteriori indagini potrebbero meglio definirle, ma «anche se abbiamo capito di cosa si tratta, al momento abbiamo più domande che risposte», conclude Natalia Polukhina.

25 luglio 2019 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us