Mistero

La mummia che sembra avere le scarpe da tennis

Scoperta una mummia nei monti Altai, in Siberia, che porta calzature che somigliano molto a modelli moderni. Al di là dell'aspetto curioso, si tratta di un ritrovamento notevole.

Sui monti Altai, in Siberia, è stata recentemente scoperta una mummia insieme a resti di un cavallo, di una testa di pecora e di altri oggetti. Apparteneva a una popolazione mongola vissuta circa 1.500 anni fa. E ha una particolarità abbastanza curiosa: le scarpe hanno un che di molto... moderno.

Al di là delle scarpe, il ritrovamento può sembrare poca cosa, ma per gli archeologi è una scoperta importante perché è la prima sepoltura completa e ben conservata mai trovata nella zona e dà uno scorcio senza precedenti nella vita del popolo Turkik che durante il sesto secolo avanti Cristo attraversò l’Asia centrale e la Siberia.

«Si tratta di una sepoltura Turkik senza precedenti perché ci racconta le loro credenze rituali di cui conosciamo poco», ha spiegato B. Sukhbaata del Museo Khovd, (Mongolia) che ha scoperto la tomba. Si trovava a 3 metri di profondità ad una quota di 2.803 metri. La persona era ancora avvolta nel suo feltro.

Gli oggetti ritrovati nella tomba insieme alla mummia
Gli oggetti ritrovati nella tomba insieme alla mummia © Museo Khovd

UNA DONNA. Al momento si ipotizza che sia il corpo di una donna, perché non è stato trovato alcun arco vicino alla persona e questo non potrebbe succede per un Turkik maschio. Poiché vicino alla mummia è stato trovato un solo cavallo si ipotizza anche che la persona deceduta sia stata di umile famiglia. Gli archeologi hanno già potuto stabilire che l’animale è stato volutamente ucciso e che si trattava di una cavalla con un’età compresa tra i 4 e gli 8 anni.

Insieme a loro sono stati rinvenuti vari oggetti, da una ciotola di legno ad un vaso d’argilla, da un cuscino ad una testa di pecora e una borsa di viaggio al cui interno sono state rinvenute ossa di pecora e di capra. In base al materiale rinvenuto si è potuto stabilire che il tutto ha un’età che risale a circa 1500 anni fa.

Tutte le tele mostrano ricami di alta fattura © Museo Khovd

Quel che è interessante è il fatto che nonostante che la persona sepolta non provenga da una famiglia ricca o potente c’è comunque una grande cura nei suoi vestiti, che sono tutti finemente ricamati, scarpe comprese. Alcuni disegni e ricami richiamano il mondo dei nostri giorni come a dire che quando si tratta di fare moda non ci sono confini di tempo e di spazio.

15 aprile 2016 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Chi erano i gladiatori? Davvero lottavano sempre all’ultimo sangue? Con quali armi e tecniche combattevano? Perché gli imperatori investivano una fortuna sui loro spettacoli di morte? Entriamo negli anfiteatri della Roma imperiale per conoscere da vicino gli atleti più famosi dell’antichità. E ancora: come la moda del Novecento ha ridato la libertà alle donne; alla scoperta di Monte Verità, la colonia sul lago Maggiore paradiso di vegani e nudisti; i conflitti scoppiati per i motivi più stupidi; la guerra al vaccino antivaiolo dei primi no vax; le Repubbliche Sorelle.

ABBONATI A 29,90€
Focus e il WWF festeggiano insieme il compleanno: Focus è in edicola da 30 anni e il WWF si batte da 60 per la difesa della natura e degli ecosistemi. Insieme al WWF, Focus è andato nelle riserve naturali e nei luoghi selvatici del mondo per scoprire come lavorano i loro ricercatori e volontari per aiutare la Terra e i suoi abitanti. Inoltre: perché i cicloni sono sempre più violenti; perché la miopia sta diventando un'emergenza globale; come sarebbero gli alieni (se esistessero).
ABBONATI A 29,90€
Follow us