Mistero

La strana storia del marinaio mummificato trovato a bordo di in una nave fantasma

Manfred Fritz Bajorat, marinaio solitario, non dava più segni di sé dal 2010. È stato ritrovato a bordo della sua imbarcazione imbalsamato. Ecco come l'ambiente l'ha conservato nel tempo.

La storia è tra le più drammatiche e strane che si possano raccontare. Un giorno, nella primavera del 2016, l'equipaggio di una barca a vela impegnata in una regata attorno al mondo, la LMAX, incontra al largo delle coste di Guam, nell'Oceano Pacifico, una piccola imbarcazione a vela alla deriva e con l'albero spezzato.

Come vogliono le regole marinare, il gruppo dimentica la gara e si dà da fare per verificare se a bordo della piccola barca ci sia qualcuno, magari ferito, in attesa di aiuto.

Saliti a bordo i soccoritori pensano che sia stata abbandonata. Poi sottocoperta trovano un corpo umano, l'unico membro dell'equipaggio, completamente mummificato.

Seduto a un tavolino, vicino alla radiotrasmittente, con la testa reclinata su un braccio. Forse aveva tentato di chiamare qualcuno in aiuto. Tutto il resto è in ordine.

Così, mummificato, è stato trovato Manfred Fritz Bajorat a bordo della sua imbarcazione. © Polizia Barobo

Ma come ha fatto a mummificarsi? Lo sfortunato marinaio solitario probabilmente è morto per cause naturali, forse un infarto. Mentre i venti oceanici, le alte temperature e l’aria salmastra hanno contribuito a preservare il corpo intatto.

Un corpo può venire mummificato dalla sabbia del deserto, grazie al sale cristallizzato che lega l’acqua e impedisce la proliferazione dei batteri. Lo stesso può accadere in zone desertiche, sia fredde che calde, grazie al vento e all’aria secca che sottraggono i liquidi a un organismo morto, oppure nelle caverne grazie alla temperatura costante e all’umidità dell’aria.

Mummificazioni accidentali sono avvenute pure in Europa, nelle torbiere di Irlanda, Scozia, Olanda, Germania, Danimarca e Svezia. La natura può favorire la mummificazione anche in ambienti artificiali come cantine, solai e cripte, dove la conservazione è favorita da correnti d’aria e temperature stabili. Come probabilmente è accaduto per il ritrovamento nel Pacifico.

Non c’è voluto molto ad identificare la sfortunata persona: si trattava di Manfred Fritz Bajorat di 59 anni, un noto marinaio solitario tedesco che ha solcato tutti i mari del pianeta, e di cui si erano perse le tracce dal 2010.

10 marzo 2016 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us