Mistero

Le linee di Nazca, antiche vie di pellegrinaggio

I famosi geoglifi costellavano le strade dirette a un importante complesso religioso peruviano. Ma con il tempo la loro funzione mutò, rimanendo in ambito religioso.

Si dirada la nebbia che avvolge alcune delle opere umane più misteriose di tutti i tempi: le linee di Nazca furono usate da almeno due diverse popolazioni come indicazioni per i pellegrini diretti a un famoso luogo rituale peruviano. Con il tempo, il loro scopo dovette mutare, senza perdere il significato religioso.

A fare un po' di chiarezza sul significato dei geoglifi, le oltre 13 mila linee tracciate sul terreno dell'arido altopiano che si estende tra le città di Nazca e Palpa, nel sud del Perù, è uno studio giapponese presentato all'80esimo meeting della Society for American Archeology.

Quadri a cielo aperto. Le linee, risalenti a un periodo compreso tra il 200 a.C. e il 600 d.C., raffigurano forme geometriche, sagome animali, scene di decapitazione, stelle e figure mitologiche. Da tempo si sospettava avessero un significato religioso, ma la loro reale destinazione è rimasta finora piuttosto misteriosa.

Passate da qui. Dopo aver analizzato un centinaio dei disegni più recentemente scoperti, insieme ad antichi cocci di ceramica rinvenuti nei punti di intersezione dei geoglifi, i ricercatori della Yamagata University hanno ipotizzato che, nella prima fase della loro storia (quella che arriva fino al 200 d.C.) le linee servissero da punto di riferimento per i pellegrini in visita al complesso religioso pre-Inca di Cahuachi, un insieme di templi e piramidi oggetto di offerte religiose e sacrifici umani.

Più autori. Per i ricercatori, quattro diversi tipi di geoglifi tendono a concentrarsi sulle diverse strade che conducevano al luogo di culto. I diversi stili con cui sono costruiti (alcuni, rimuovendo strati di roccia dall'interno del disegno; altri, erodendo la roccia sui bordi del disegno), insieme alla diversa posizione geografica, portano alla "mano" di due popolazioni distinte.

Le immagini di condor e camelidi trovate lungo il corso del fiume Ingenio, sulla strada per Cahuachi, sono riconducibili alle popolazioni dell'Ingenio Valley. Le figure dall'aspetto soprannaturale che esibiscono teste-trofeo si trovano invece nella valle di Nazca, sulla via per Cahuachi, e sarebbero state tracciate dagli abitanti di quest'area. Dietro altre immagini ci sarebbe lo zampino congiunto di entrambe le popolazioni.

Cocci rotti. I geoglifi servivano forse a indicare il sentiero rituale che conduceva al complesso di templi. Ma il loro scopo dovette mutare dopo il primo periodo: dal 200 d.C. in poi, nella cosiddetta epoca Nazca, le linee divennero i luoghi prescelti per compiere strani rituali, che includevano la rottura di vasellame nei punti di intersezione tra un disegno e l'altro.

Questa nuova funzione li accompagnò anche dopo il declino del complesso di Cahuachi.

11 maggio 2015 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us