Curiosità

Perché nel torneo di tennis di Wimbledon per i giocatori è obbligatorio vestirsi di bianco?

Il regolamento del mitico torneo di tennis di Wimbledon vuole che i giocatori indossino abbigliamento di colore bianco. Perché questa regola e quali sono le eccezioni?

Per i giocatori di tennis preparare la valigia per Wimbledon è a suo modo... un'esperienza unica. Già, perché al contrario di quanto accade negli altri tornei, per il prestigioso torneo londinese non ci sono scelte difficili da fare sulll'abbigliamento: niente colori sgargianti o abbinamenti azzardati, l'unico colore consentito è il bianco, anche per i capi intimi!

Sempre più rigoroso! Il dress code di Wimbledon è infatti uno degli elementi che contraddistingue il torneo, forse il più iconico del calendario. E negli ultimi anni, con l'esplosione di colori nell'abbigliamento sportivo, Wimbledon è diventato persino più rigoroso (e invece sai chi ha inventato le palline da tennis moderne?).

Le tenniste sono abituate a vedersi contestare reggiseni o spalline colorate e negli anni scorsi alcuni atleti sono stati rispediti negli spogliatoi per cambiare l'intimo, quando, magari dopo una caduta, risultava visibile sotto i pantaloncini. 

Bianco a Wimbledon: una questione di tradizione (e un po' di decoro)

Una delle ragioni per cui Wimbledon insiste sul bianco è la tradizione. Il tennis su erba veniva giocato principalmente in bianco sin dalle origini, a fine '800 (a proposito: sai chi ha inventato la Coppa Davis?). Gli uomini indossavano pantaloni di flanella e le donne calze lunghe sotto le gonne, ma sempre rigorosamente bianchi. O quasi. Spesso la flanella era infatti color crema e alcuni tennisti indossavano maglie a righe in stile rugby.

La pietra dello scandalo. Tuttavia il bianco divenne presto la norma per entrambi i sessi, con poche eccezioni fino al 1962, quando Maria Bueno, l'elegante campionessa brasiliana, osò indossare pantaloni con evidenti tocchi di colore. L'anno successivo Wimbledon emanò una regola formale che imponeva ai giocatori di vestirsi "prevalentemente di bianco"  (sai perché si dice "deuce", "ace", "net" e le altre parole del tennis?).

Da "prevalentemente bianco" al bianco... quasi totale!

Con i cambiamenti sociali degli anni '60, i colori nel tennis divennero sempre più comuni e gli US Open li permisero dal 1972. Anche se Wimbledon resistette, la regola del "prevalentemente bianco" lasciava un po' di margine e le donne ne approfittarono, con campionesse come Martina Navratilova e Chris Evert che sfoggiavano abiti con tocchi di colore.

Non per moda. Tuttavia, il regolamento è stato inasprito nel tempo e ora sia l'abbigliamento sia le scarpe devono essere quasi interamente bianchi – anche le varianti panna e avorio sono bandite. A tale proposito in passato i dirigenti dell'All England Lawn Tennis Club, organizzatore del torneo, hanno dichiarato: «Per noi la regola del tutto bianco non è una questione di moda, ma di far risaltare i giocatori e il tennis.

Chiunque entri in un campo di Wimbledon, dal campione in carica alle qualificazioni, lo fa indossando il bianco. Questo è un grande livellamento. Se un giocatore vuole farsi notare, deve farlo attraverso il suo gioco. È una tradizione di cui siamo orgogliosi».

Vestirsi di bianco a Wimbledon: il regolamento in pillole:

Ma vediamo, in estrema sintesi, cosa prescrive il regolamento di Wimbledon sul tema del colore dell'abbigliamento:

  • Bianco dominante: L'abbigliamento deve essere quasi interamente bianco, senza panna o avorio.
  • Dettagli colorati minimi: È consentito un bordo colorato (max 1 cm) su scollo, polsini e cuciture laterali di pantaloncini/gonne.
  • Loghi e fantasie: Vietati loghi grandi e fantasie con colori troppo estesi.
  • Bianco anche per gli accessori: Cappellini, fasce, polsini e calze devono essere bianchi, con eventuali bordi colorati (max 1 cm).
  • Scarpe quasi total white: Suole e lacci rigorosamente bianchi.
  • Intimo a vista: Bianco, con massimo un bordo colorato (max 1 cm).
  • Eccezione per le donne: Possono indossare pantaloncini intimi colorati, purché non più lunghi dei pantaloncini o della gonna.
  • Supporti ortopedici/medici: Preferibilmente bianchi, ma ammessi colorati se necessari.
3 luglio 2024 Roberto Graziosi

Codici Sconto

74 Coupon e Nuovi Sconti
Codice Sconto Smartbox

Codice Sconto Smartbox

ESCLUSIVO Codice Sconto Smartbox del 15%

codice sconto ita airways

codice sconto ita airways

Codice Sconto ITA Airways giovani fino al 15%

Codice Promo Italo

Codice Promo Italo

Codice Sconto 5% esclusivo sul biglietto Italo

Codice Sconto Vueling

Codice Sconto Vueling

Codice Sconto Vueling -25%

Coupon GNV

Coupon GNV

Codice Sconto GNV 50€ sulla prenotazione

Codice Sconto Hotels Com

Codice Sconto Hotels Com

Hotels.com Codice Sconto di 100€

Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us